Martedì 16 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/12/2016

Svizzera
"Almeno tre giorni di prigione per chi attacca la Polizia"

I consiglieri nazionali Marco Romano e Bernhard Guhl hanno presentato un'iniziativa parlamentare per arginare il fenomeno

Lo scorso marzo si era tornati a parlare dei fenomeni di violenza contro le poliziotte e i poliziotti, considerevolmente aumentati nel 2015 (2'800 casi a fronte di 800 registrati nel 2000).

Il Consigliere nazionale PPD Marco Romano aveva anticipato l'idea di proporre un'iniziativa parlamentare in seguito alla petizione online lanciata dall'associazione Amici delle Forze di Polizia Svizzera (vedi articolo suggerito). “Sono fiducioso e credo in un impegno trasversale per la realizzazione di quanto per anni richiesto da coloro che lavorano per la nostra sicurezza”, aveva dichiarato Romano.

E negli scorsi giorni l'iniziativa parlamentare è stata finalmente depositata. Per Marco Romano e Bernhard Guhl (BDP) gli episodi di violenza sono aumentati "in termini numerici e di brutalità", tanto da richiedere una "risposta decisa da parte del Governo". L'iniziativa, sottoscritta anche da parlamentari di altri partiti, vuole introdurre una pena detentiva minima di tre giorni di prigione per chiunque si renda colpevole di episodi di violenza ai danni delle forze di Polizia.

I parlamentari puntano su un effetto dissuasivo: "Dobbiamo difendere meglio chi si occupa della nostra sicurezza", ha detto Guhl "Tages Anzeiger". Particolarmente a rischio anche gli avvenimenti sportivi, con il fenomeno degli hooligan che è ancora di attualità alle nostre latitudini. "In questi casi una pena detentiva avrebbe un effetto maggiore di una multa", ha affermato il segretario della Federazione Svizzera dei Funzionari di Polizia Max Hofmann.

In caso di recidiva, la pena massima ammonterebbe a sei anni di carcere e ad essere puniti sarebbero anche i complici. L'iniziativa Guhl-Romano prevede anche la possibilità di una pena con la condizionale.

da ticinonews.ch


La domanda è ovvia per molti. E da noi quando...?
Secondo l’Osservatorio ASAPS “Sbirri pikkiati” nei primi 9 mesi del 2016 sono state 1.611 le aggressioni ad appartenenti alle forze di polizia aggrediti e picchiati durante dei controlli stradali o in locali. In 303 casi sono state usate armi proprie o improprie 18,8%. In 490 episodi l’aggressore era ubriaco 30,4%. (ASAPS)

Venerdì, 30 Dicembre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK