Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/10/2016

Multe, in vigore la sanatoria dei debiti: solo 90 giorni per la richiesta

ROMA - Il più volte annunciato addio alla società di riscossione è diventato realtà. Il decreto, all'art. 1, fissa al 1° luglio 2017 la soppressione di Equitalia e la coeva cancellazione d'ufficio di tutte le società del gruppo con l'affido dell'attività di riscossione nazionale al nuovo ente pubblico economico denominato "Agenzia delle Entrate Riscossione"sottoposto all'indirizzo e alla vigilanza del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Il decreto legge introduce anche, ma diremmo soprattutto, la nuova edizione della rottamazione delle cartelle sancendo che il contribuente potrà aderire alla sanatoria entro 90 giorni per qualsiasi pendenza aperta (non solo con Equitalia ma per tutte le cartelle esattoriali), ivi compresa l'Iva (a eccezione di quella d'importazione) e le multe per violazioni al codice della strada, con la cancellazione degli interessi e delle somme aggiuntive ma con il permanere della sanzione di base prevista per l'infrazione.

La norma riguarda, come riporta il sito www.studiocataldi.it, i ruoli relativi agli anni 2000-2015 e sarà accessibile su semplice richiesta del contribuente, da presentare entro il prossimo 22 gennaio (90 giorni appunto dall'entrata in vigore del decreto) e l'Agenzia delle Entrate avrà 180 giorni in tutto per ricalcolare il debito dovuto.

Il risparmio è notevole e può arrivare fino al 35%, visto che l'accesso alla sanatoria cancellerà sanzioni, interessi di mora e somme aggiuntive dovute. Rimane da pagare, invece, l'aggio della riscossione e le spese di notifica e per le procedure esecutive.

Sarà possibile aderire anche per chi ha già in corso una rateizzazione con Equitalia (a condizione che vengano saldate le rate dovute entro il 31 dicembre), e il pagamento potrà essere dilazionato fino a quattro rate. Il mancato, insufficiente o tardivo pagamento determinerà però la decadenza dall'accesso al beneficio.
 

da motori.ilmessaggero.it


Il decreto legge introduce anche la nuova edizione della rottamazione delle cartelle sancendo che il contribuente potrà aderire alla sanatoria entro 90 giorni per qualsiasi pendenza aperta (non solo con Equitalia ma per tutte le cartelle esattoriali), ivi compresa l'Iva (a eccezione di quella d'importazione) e le multe per violazioni al codice della strada, con la cancellazione degli interessi e delle somme aggiuntive ma con il permanere della sanzione di base prevista per l'infrazione. (ASAPS)
 

Venerdì, 28 Ottobre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK