Martedì 27 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/05/2016

Modena
Caccia all'uomo dopo un inseguimento in moto, due nomadi in manette

Grande dispiegamento di forze per bloccare un ricercato e due complici. Una ventina di agenti hanno setacciato boschi e campagne di Marzaglia per tre ore dopo che i ladri erano fuggiti in moto e a piedi. Due di loro sono stati arrestati dopo una rissa

E' stato un pomeriggio davvero movimentato quello vissuto nella zona di Marzaglia sabato scorso, caratterizzato da un inseguimento durato circa tre ore e culminato con l'arresto di due nomadi. Il tutto è iniziato a seguito di un controllo di routine nel Caravan Camping Club di strada Pomposiana, un'area attrezzata che da qualche giorno ospita anche tre camper di altrettante famiglie nomadi. Tra gli inquilini figurava anche il nome di un ricercato, un 45enne autore di un furto in abitazione lo scorso anno a Firenze: gli agenti della Polizia di Stato si sono recati a Marzaglia anche per notificare al malvivente un'ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale fiorentino e che avrebbe costretto il nomade all'obbligo di dimora a La Spezia, dove ufficialmente risiederebbe.

>FOTO

In un primo momento i poliziotti non sono riusciti a identificare il ricercato, che non si trovava nel camping, ed hanno perciò atteso il suo rientro. Poco dopo, verso le 14.15, sono comparse all'ingresso dell'area attrezzata due moto con a bordo tre persone: appena i centauri si sono accorti della presenza delle forze dell'ordine si è però scatenato il parapiglia. Ne è nato un primo inseguimento, con le due Honda Hornet che hanno sfrecciato pericolosamente tra camper e roulotte, mettendo anche a repentaglio l'incolumità dei presenti. I tre sono poi scesi di sella, gettando zaini ed indumenti per darsi alla fuga nei campi, scavalcando la recinzione perimetrale del camping.

Gli agenti della Volante si sono messi nuovamente all'inseguimento, chiamando immediatamente rinforzi. Tutta la zona di Marzaglia è stata in breve tempo circondata dai colleghi della Questura, da una decina di agenti della Polizia Municipale e da un equipaggio del Radiomobile dei Carabinieri. Una ventina di agenti che hanno setacciato per ore campi, boschi e persino la zona dell'aeroporto, bloccando anche i voli. La ricerca è durata oltre tre ore: intorno alle 17.30, infatti, un cittadino di passaggio ha dato un indizio importante, indicando due individui nella zona della cava di ghiaia che si estende fino al fiume Secchia.

Tutta l'area è stata accerchiata e una squadra ha finalmente individuato i fuggiaschi. Messi alle strette, i due nomadi – del terzo si erano perse le tracce – hanno minacciato gli agenti della Volante e li hanno aggrediti: una rissa costata alcune ferite ai poliziotti, che tuttavia sono riusciti a placare ed ammanettare i malviventi. Mentre il 45enne ricercato e un complice 39enne sono stati arrestati e scortati nelle celle della Questura, il camping e i camper sono stati perquisiti, permettendo di sequestrare diverso materiale.

Negli zaini i centauri nascondevano arnesi da scasso, flessibili, torce, passamontagna e walkie-talkie: tutto il necessario per furti in abitazione come quello compiuto a Firenze, tra l'altro sempre spostandosi in moto. Proprio le targhe dei due motocicli sono risultate alterate tramite adesivi con numeri di fantasia, evidentemente per sfuggire ai controlli delle telecamere stradali. In un camper è stato anche rinvenuto un orologio Rolex dal valore di 6mila euro, sospetto provento di furto.

da modenatoday.it


Inseguimenti e caccia all’uomo con spiegamento di 20 agenti fra Volanti della Polizia di Stato, Polizia Municipale e Carabinieri. Ma alla fine sono stati catturati. (ASAPS)

Martedì, 31 Maggio 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK