Venerdì 02 Dicembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , News 13/06/2015

Polizia Stradale Padova
“AUTISTA PROFESSIONALE ALLA GUIDA DI UN COMPLESSO VEICOLARE CON CRONOTACHIGRAFO ALTERATO CON IL MEDOTO DETTO DEL “BULBO FANTASMA”

(ASAPS) Il giorno 8 giugno u.s., verso le ore 17.00 circa, nell’ambito della normale attività di controllo stradale, una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Padova procedeva al controllo di un complesso veicolare transitante nel territorio urbano del Comune di Padova.
Da un approfondito controllo effettuato dagli operatori, con l’ausilio di specifica strumentazione, emergeva che i file scaricati dal cronotachigrafo digitale installato sul predetto veicolo presentavano diverse anomalie.
Il personale della Polizia Stradale, quindi, procedeva ad accompagnare l’autista ed il veicolo presso un’officina specializzata per gli accertamenti tecnici atti a verificare le eventuali alterazioni o manomissioni del cronotachigrafo.
Gli operatori, con l’ausilio del personale tecnico dell’officina, riuscivano a “scovare” nascosto sotto il parabrezza della cabina del camion, nelle vicinanze del cronotachigrafo installato originariamente, un impianto cronotachigrafo “parallelo” collegato tramite connettori di deviazione all’unità di archiviazione di bordo, attivabile dal conducente mediante una piccola calamita che, una volta adagiata sul cruscotto del veicolo andava ad azionare il dispositivo di alterazione, detto “bulbo fantasma”.
Con il predetto dispositivo i dati di registrazione del conducente venivano modificati a piacimento, dello stesso, in modo da eludere i controlli delle forze di polizia, risultando al momento dell’eventuale controllo di aver effettuato la fase di “riposo” mentre in realtà era alla guida del veicolo.
Al termine degli accertamenti il personale della Polizia Stradale procedeva al sequestro della strumentazione di falsificazione, mentre al predetto conducente veniva ritirata la patente di guida ai fini della sospensione ed, inoltre, veniva sanzionato, contestualmente alla ditta proprietaria del veicolo, per l’art. 179 comma 2° del C.d.S. “Circolazione con cronotachigrafo alterato e/o manomesso”.  (ASAPS)

 



Ma anche il bulbo “fantasma” si è materializzato. (ASAPS)

 


 

Sabato, 13 Giugno 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK