Lunedì 14 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/12/2014

Blitz della Forestale, bloccato traffico illegale di selvaggina

Sedicimila uccelli, per lo più passeri e storni, per un valore di 400mila euro. Sarebbero finiti sulle tavole di Capodanno
Foto dal Corpo Forestale dello Stato

Macerata, 30 dicembre 2014 - Un traffico illegale di uccelli protetti importati dalla Tunisia per finire sulle tavole delle feste di Capodanno è stato stroncato dalla Forestale.

Sedicimila uccelli, per lo più passeri e storni, per un valore complessivo di circa 400 mila euro. In sei mesi l’organizzazione, radicata in sette regioni, avrebbe commercializzato illegalmente circa 405.000 uccelli in 24 province del nord Italia. Otto i denunciati. L’operazione, in codice ‘African-Oseì, coordinata dal Nucleo investigativo provinciale di Polizia ambientale e Forestale di Macerata e diretta dalla Procura maceratese, ha riguardato oltre 80 grossisti, ristoratori e commercianti al dettaglio di selvaggina.

In totale si tratta di circa 400.000 passeri e storni, catturati in Africa con mezzi che in Italia sono vietati, e poi venduti illegalmente a ristoranti e supermercati.

Per ora sono otto le persone denunciate alle procure di Macerata, Massa Carrara, Pesaro e Ravenna: rischiano fino a sei mesi di arresto per violazioni della normativa sulla tutela della fauna selvatica e il prelievo venatorio. Controlli però sono ancora in corso in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Toscana, per rintracciare gli altri uccelli venduti illegalmente.

In Italia la fauna selvatica è considerata patrimonio indisponibile dello Stato, e il commercio di uccelli selvatici è vietato. Anche le specie per le quali è consentita la caccia non possono essere vendute, acquistate o trasportate. In base alle norme Ue, dal 24 giugno scorso il divieto è esteso anche all’avifauna importata dall’estero e della quale esistano popolazioni anche nei Paesi dell’Unione. La cattura di grandi quantità di uccelli selvatici con reti o trappole è vietata in gran parte del territorio comunitario ma è consentita in Tunisia, Albania, ed altri Paesi, dove ogni anno vengono catturati milioni di uccelli.



da ilrestodelcarlino.it
 

Mercoledì, 31 Dicembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK