Domenica 28 Febbraio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 08/05/2014

Il finale possibile: può uno spot mutare le coscienze
Gli australiani ci provano, non è una novità: tu decidi la velocità, il resto lo decide la fisica

GUARDA IL VIDEO

Un fotogramma del video

(ASAPS) MELBOURNE (VICTORIA, AUSTRALIA), 8 maggio 2014 – Se qualcuno avesse i soldi per girare uno spot sulla sicurezza stradale ma fosse a corto di idee, dovrebbe farsi un giro in Australia o nei paesi anglosassoni. Grazie al tamtam di Facebook siamo riusciti a ripescare un video di due anni fa, girato dalla TAC, la Transport Accident Commission che nello stato australiano del Victoria si occupa di fare statistica, suggerire strategie, metterle in pratica e testarne i risultati, dedicato ai motociclisti. Il titolo è tutto un programma: ricostruzione.

 

Stavolta niente sangue, ma si intuisce chiaramente che il non vedere è solo questione di istanti. Anzi, di velocità: tu scegli la velocità, dice il poliziotto australiano, e il resto lo decide la fisica. Ideare, pensare e girare lo spot è stato ritenuto necessario dalla TAC per fronteggiare due dei più grandi problemi che affliggono il Victoria: la sicurezza in moto e la velocità eccessiva. L'incidente è appena avvenuto quando il sergente Peter Bellion, detective dell'unità infortunistica della polizia del Victoria, comincia a spiegare che le conseguenze di una collisione tra una moto, il suo conducente, e il posteriore di una macchina. Il poliziotto si muove in uno scenario surreale, in un fermo immagine: il centauro non se la passa bene: il collo si è appena rotto, la moto è in pezzi e tutto perché lo sfortunato protagonista viaggiava a 8 chilometri in più.

 

Se avesse viaggiato a 60 orari, invece che a 68, il tempo di reazione del biker e lo spazio di arresto della moto sarebbe stato sufficiente ad evitare la morte. Niente paura: appena finito di spiegare, il fermo immagine si muove all'indietro e mentre il sergente spiega moto e motociclista ripercorrono in slow motion il percorso dal punto d'impatto all'origine dell'incidente, quando cioè il centauro si è accorto dell'auto e inizia a frenare. Guardate, è davvero un capolavoro. (clicca qui) (ASAPS)
 

 


 

Un video da vedere. Molto emblematico. (ASAPS)

 

 

 

 


 

Giovedì, 08 Maggio 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK