Giovedì 21 Novembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 24/12/2013

Fuori strada con la Lamborghini, due feriti gravissimi

L'incidente lungo la Pedemontana a Solignano di Castelvetro, il bolide è finito nel fosso e poi si è incendiato

Modena - Sabato scorso una Lamborghini Aventador si è schiantata lungo la Pedemontana a Solignano di Castelvetro, finendo nel fosso e poi incendiandosi. A bordo dell'auto c'erano un 48enne e un 24enne, entrambi ricoverati ora in ospedale, il primo al Maggiore di Bologna e il secondo a Baggiovara, in gravissime condizioni.
Ad estrarre i due uomini dall’auto che aveva preso fuoco è stato un passante che abita non lontano dal luogo dell’incidente.

 

> LE FOTO

 

Dalle prime ricostruzioni dell’accaduto, a guidare la Lamborghini sarebbe stato il più giovane dei due, P.F., esperto pilota originario del Bolognese.  Il passeggero, di 48 anni, è invece originario del Reggiano.

 

A quanto pare il bolide sportivo sul quale viaggiavano era un veicolo utilizzato per il noleggio. Il veicolo, proveniente da Maranello, è uscita di strada sulla sua sinistra, senza urtare altre auto, e dopo aver percorso un centinaio di metri fuori dalla carreggiata si è inchiodato nel fossato e ha preso fuoco.

 

Sul posto sono intervenuti immediatamente i vigili del fuoco, la municipale, alcune ambulanze e un elicottero del 118, che ha trasportato il 48enne a Bologna. Oltre ai traumi, i due feriti hanno riportato anche diverse ustioni molto gravi. Sulle cause dello schianto non ci sono ancora certezze assolute, ma si sta lavorando soprattutto sull'ipotesi dell'alta velocità in uscita da una curva a destra.

 

di Valerio Gagliardelli
ilrestodelcarlino.it

 


 

Questa situazione di bolidi noleggiati  va affrontata. In alcuni comuni del modenese monta la protesta.
D'altra parte con una patente B dopo un anno si può guidare qualsiasi supercar presa anche a noleggio. Bisognerà parlarne. (ASAPS)

 

Martedì, 24 Dicembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK