Giovedì 26 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Germania, pedaggio autostradale per gli stranieri dal 2015

Lo ha annunciato il ministro dei Trasporti. La tariffa autostradale costerà agli stranieri intorno ai 100 euro all’anno
Foto Ansa

Berlino - Gli automobilisti stranieri in viaggio in Germania dovranno cominciare a pagare il pedaggio autostradale a partire dal 2015. Lo ha annunciato il ministro dei Trasporti, Alexander Dobrindt (Csu), in un’intervista al domenicale Bild am Sonntag.

 

Secondo l'esponente di governo, grazie a questa misura, nelle casse dello Stato arriverà "un miliardo di euro nel corso di quattro anni". La gabella autostradale costerà agli stranieri intorno ai 100 euro all’anno, "forse un po' più, oppure un po' meno", ha precisato il ministro.

 

Dobrindt intende presentare il progetto di legge "nel corso del 2014, in modo che ci sia tempo per discuterlo e vararlo. Nel 2015 ci sarà l’applicazione pratica del pedaggio per gli automobilisti stranieri. Si tratta di una questione di equità".

 

Per rendere compatibile la norma con la legislazione europea, che vieta discriminazioni tra automobilisti stranieri e autoctoni, il pedaggio verrà pagato anche dai possessori tedeschi di un’auto, che poi dovrebbero vedersi scalare l’importo dal bollo annuale della loro vettura.

 

da qn.quotidiano.net

 



Per rendere compatibile la norma con la legislazione europea, che vieta discriminazioni tra automobilisti stranieri e autoctoni, il pedaggio verrà  pagato anche dai possessori tedeschi di un'auto, che poi dovrebbero vedersi scalare l'importo dal bollo annuale della loro vettura. Per una questione di equità capite? In sostanza per i cittadini tedeschi si organizza un finto pagamento. Pagheranno un importo X per le percorrenze in autostrada, poi l'importo X  verrà  loro detratto dal bollo della macchina!
E la chiamano Unione Europea, ma per piacere! (ASAPS)


 

 

 

 

 

Lunedì, 23 Dicembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK