Sabato 05 Dicembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Svizzera: giornata nazionale della luce sulla strada dell’inverno
Giunta alla settima edizione, l’iniziativa è volta a prevenire la sinistrosità stradale dovuta alla scarsa visibilità. Lo slogan è: “luce, visibilità, sicurezza”

(ASAPS) GINEVRA (SVIZZERA), 18 novembre 2013 – È scattata giovedì 14 novembre, in Svizzera, la settima Giornata Nazionale della Luce, dedicata alla visibilità sulla strada, fatta cadere proprio quando gli automobilisti iniziano a fare i conti con il Generale Inverno e devono per questo affilare le proprie armi: pneumatici da neve, catene, liquidi antigelo, nuove spazzole e controllo generale dei fari, pulizia del parabrezza, per non parlare degli esami della vista. Proprio a questo proposito, se avere una lampada bruciata o fuori fase o magari solo parabole vecchie o sporche, rappresenta in estate un’imprudenza che qualcuno potrebbe giudicare veniale, in inverno certe “distrazioni” rasentano l’incoscienza. Da novembre ad aprile inoltrato, infatti, il crepuscolo regna sovrano e le fasi buie della giornata aumentano con il diminuire della latitudine e in condizioni di scarsa illuminazione o di oscurità assoluta l’incidente è sempre in agguato, come confermano le statistiche.

 

In Svizzera infatti secondo gli studi sulla mobilità, sono ancora moltissimi gli incidenti stradali evitabili con poche semplici precauzioni, che permettano a conducenti, passeggeri, ciclisti e pedoni di non morire perché, semplicemente, coinvolti in incidenti stradali nel corso dei quali l’impatto è dovuto a un ritardo nell’attivazione di uno dei sensi chiave per chi sta al volante, in sella o che cammina sulla strada: la vista.
Pensate a quanti sinistri potrebbero essere evitati se frenata ed evitamento dell’ostacolo potessero essere cominciate in tempo; eppure, la soluzione è semplicissima: precauzioni.
Anche l’ASAPS ha qualche consiglio da dare, soprattutto a ciclisti e pedoni.
Ai primi consigliamo di usare sempre fari anteriori e posteriori, dotare i raggi di catarifrangenti per essere visti anche di lato, indossare gilet retroriflettenti e casco, oltre a occhiali a lenti bianche.

 

Ai pedoni, invece, suggeriamo abiti chiari, strisce retroriflettenti se sono previste lunghi percorsi su strade con marciapiedi approssimativi o in condizioni di scarsa visibilità e di non dare mai niente per scontato, soprattutto quando attraversano sulle strisce. Aspettarsi di essere visti e fidarsi dei sensi altrui, può costare caro. Carissimo.
Infatti – come correttamente indicato sul sito dedicato alla campagna (clicca qui per la versione italiana) – “quando fa buio, puoi essere visibile in tempo o troppo tardi: dipende anche da te. Se indossi vestiti scuri, sei visibile da 25 metri; con accessori catarifrangenti da 140 metri. Decidi tu, meglio in tempo che troppo tardi”.
Alla settima Giornata Nazionale della Luce partecipano l’Ufficio Elvetico per la Prevenzione degli Infortuni (UPI), i corpi di polizia cantonale e federale, le scuole e altre associazioni, come la ticinese “Meglio a Piedi”. (ASAPS)
 

 


 

E in Italia solo lo scorso anno parlavamo di cieli bui... Ma l'ASAPS si oppose fermamente per incrementare gli incidenti della strada (ASAPS)

 

 

Lunedì, 18 Novembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK