Martedì 21 Gennaio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi , News ,... 16/08/2013

Furbetti del gasolio annacquato: il meccanico esperto consiglia


di Girolamo Simonato*


Milleduecentosedici distributori stradali di carburante ispezionati e 174 irregolarità scoperte, oltre il 14%.
E' il bilancio dei controlli effettuati dalla Guardia di finanza dall'inizio del mese di agosto. Nei casi più gravi, come acqua nel gasolio o erogazione di carburanti inferiore dell'8-10%, i gestori (11 in tutto) sono stati denunciati alle procure della Repubblica territorialmente competenti per frode in commercio o uso di strumenti di misura alterati; 59 tra colonnine e pistole erogatrici sono state sequestrate.
Sessantotto gestori sono stati sanzionati amministrativamente: 61 per violazione della disciplina sui prezzi esposti non corrispondenti a quanto indicato dalle colonnine dopo il rifornimento e 7 per rimozione dei sigilli che assicurano il corretto e regolare funzionamento degli impianti. I controlli hanno riguardato, in particolare, l'osservanza degli adempimenti contabili ed amministrativi, il possesso delle autorizzazioni, la rilevazione delle giacenze, il controllo metrico ed il prelevamento di campioni per accertare l'effettiva erogazione e la qualità dei prodotti, l'integrità' dei sigilli apposti alle colonnine di erogazione ed i prezzi esposti.

Queste sono le notizie che abbiamo letto e che i militari della Guardi di Finanza hanno accertato in Italia.
Il problema è che le nostre auto potrebbero avere delle conseguenze, con l’ausilio di un esperto meccanico abbiamo cercato di dare delle soluzioni.
Se vi accorgete di spendere più del solito con il costo del carburante e la vostra auto non ha più la stessa resa in scatto e velocità, anzi il motore “ balbetta” sicuramente avete un problema con il sistema di iniezione.
La combustione del carburante genera dei residui, delle scorie che si depositano nel motore; ovviamente, il deposito continuo e l’accumulo di scorie della combustione a lungo andare inficia l’efficienza generale del motore, ma più in particolare la funzionalità ottimale degli iniettori. Potete facilmente correre ai ripari e risolvere il problema in maniera efficace, vi basterà seguire i miei consigli su come pulire gli iniettori.
Consultando un nostro esperto meccanico, la prima cosa da fare, è acquistare, in un centro per ricambi o un officina autorizzata, del prodotto per la pulizia degli iniettori per il vostro motore diesel, il c.d. additivo che serve a pulire gli iniettori, ne troverete diversi l’importante e che sia un prodotto per la pulizia e assicuratevi che ci sia scritto “per motori diesel”, solo questo piccolo accorgimento.
A questo punto, una volta acquistato il prodotto, portate la vostra auto quasi a secco, senza gasolio, in modo da svuotare per bene il serbatoio, a questo punto andate da un distributore e riempite il serbatoio al 50%, circa la metà di diesel, il resto versate completamente il contenuto del prodotto.
A seconda del funzionamento, l’iniettore pompa (iniezione meccanica-elettronica o mista) o l’iniettore elettronico (iniezione elettronica) per motori a combustione interna, hanno la necessità di funzionare in una condizione di generale pulizia, per poter rendere con efficienza e non incrementare i consumi e quindi i costi. Il ricorso all’intervento di un meccanico garantisce il ripristino della piena funzionalità, ma di certo non rende giovamento alle nostre tasche. Bene, potete ottenere il medesimo risultato, con alcuni semplici, mirati ed efficaci interventi da parte vostra.
Ricordatevi che l’acqua si deposita nel c.d. “naso” dell’iniettore e qui crea una incrostazione e spesso si potrebbero arrugginire compromettendo tutto il funzionamento del dispositivo.
Ora vi diamo dei consigli se incappate in queste fattispecie.
1. L’acquisto di uno specifico prodotto per la pulizia degli iniettori scelto a vostra discrezione, che mischiato al carburante direttamente nel serbatoio della vostra auto garantisca in fase di locomozione, che il motore stesso si pulisca automaticamente e pulisca gli  iniettori. Ovviamente, c’è da essere accorti nel dosaggio della percentuale tra il prodotto e il carburante.
2. Se non volete utilizzare dei prodotti industriali specifici, potete ricorrere all’uso di semplice benzina (vale per i motori Diesel): 23 cc ogni 10 litri di gasolio, quindi attenersi a quanto detto nella parte precedente.
3. Alla pompa del carburante, optare per un pieno pianificato a cadenza temporale di un carburante di tipo speciale (ovviamente più costoso del normale), che come pubblicizzato dal produttore, ottimizzi la resa del motore e aiuti a ripulire tutto il sistema di alimentazione/iniezione del proprio veicolo.
4. Ricorso allo smontaggio degli iniettori in un fai da te mirato, con l’utilizzo della benzina a mo’ di detergente, immergendo gli iniettori smontati per circa un’ora in un recipiente con della benzina e lasciando che la stessa disciolga i residui della combustione.
5. Fatta non vi resta che lo smontaggio del serbatoio in un fai da te, potrebbero esserci dei problemi, anche perché non tutti sono di facile smontaggio.
Se le operazioni sopra citate non danno buoni frutti, non vi resta che affidarvi al vostro meccanico di fiducia.
Il nostro esperto ci ha dato delle indicazioni di carattere generale, per una manutenzione c.d. ordinaria degli iniettori, pulizia degli stessi e del serbatoio, il costo potrebbe aggirarsi tra i 50 e 70 €uro, mentre, se la riparazione interessa lo smontaggio e revisione degli iniettori, della pompa e del serbatoio, il costo può lievitare fino al migliaio di €uro.
Dopo questa disamina potrete viaggiare con la vostra auto, al prossimo rifornimento che andrete a fare sarà opportuno affidarvi al vostro distributore di fiducia, se questi è tra quelli citati in premessa, l’alternativa è affidarvi ad un altro e per il primo pieno fate almeno il 25% di Blue Diesel in modo da eseguire una pulizia finale ai vostri iniettori, oppure nel gasolio normale aggiungete l’additivo che lo potete trovare presso la stazione di servizio.


*Direttore www.motorioggi.it

Venerdì, 16 Agosto 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK