Venerdì 20 Maggio 2022
area riservata
ASAPS.it su
Salvataggi , News 17/07/2013

Polizia Stradale Modena Nord
Pattuglia interviene in autostrada e ferma le intenzioni suicide di un uomo che voleva gettarsi da un cavalcavia: chiuso il traffico per mezz’ora
Le difficoltà economiche e di lavoro alla base del gesto

Foto Blaco - Archivio Asaps

(ASAPS) Gli uomini della Polizia Stradale di Modena Nord hanno testato personalmente la crudezza e la portata della crisi che sta coinvolgendo il mondo lavorativo del nostro Paese.
Chiamate dal Centro Operativo su segnalazione di un automobilista, il 16 luglio scorso, ore 00.35 le pattuglie si sono recate al cavalcavia autostradale n°155, Svincolo casello di Modena Sud, località Paganine (Mo): la segnalazione pervenuta in Centrale faceva riferimento a una persona con intenzioni suicide che si stava sporgendo pericolosamente oltre il guard-rail del cavalcavia sopra la prima corsia di marcia della carreggiata sud.
Gli operatori giunti sul posto hanno subito notato la presenza di una vettura Ford Focus Sw di colore grigio con gli indicatori di pericolo azionati ferma lungo il margine del cavalcavia fuori dalla sede stradale e priva di occupanti e riuscivano, però, a scorgere sul cavalcavia, nel tratto privo di illuminazione, la figura di una persona che si sporgeva nel vuoto.

 

I poliziotti hanno così iniziato la manovra di avvicinamento, con estrema prudenza e parlando continuamente con toni rassicuranti, all’aspirante suicida che, di contro, manifestava apertamente la sua intenzione tentando più volte di gettarsi.
Sotto il cavalcavia passa l’autostrada, con il normale traffico automobilistico pur ridotto in ragione dell’orario notturno. Vista la pericolosità di quanto stava accadendo gli uomini della Stradale di Modena Nord hanno deciso per la richiesta alla Centrale di chiusura delle carreggiate, prontamente avvenuta grazie all’intervento di altre unità operative che facevano defluire il traffico presso il casello di Modena Sud .
A questo punto, con la messa in sicurezza dell’Autostrada e con gli uomini dei Vigili del Fuoco e del 118 pronti ad intervenire, i poliziotti che si trovavano sul luogo scelto dall’uomo per il suo gesto, hanno iniziato a intensificare il colloquio portandolo su argomenti legati alla famiglia, ai figli e al lavoro.
Piano piano, pur rimanendo aggrappato al guard-rail solo con un braccio, l’uomo appariva sempre più sereno, forse maturava in lui la convinzione che la situazione poteva evolvere in altra maniera.È bastato un attimo nel quale l’aspirante suicida si è distratto per guardare il proprio cellulare appoggiandosi al guard-rail e i poliziotti lo hanno prontamente afferrato e portato in sicurezza al centro della carreggiata.
A questo punto l’uomo, un 38enne del luogo, è scoppiato in un pianto liberatorio e ha abbracciato i poliziotti che lo avevano salvato da quel momento di pericoloso appannamento.
Così per la pattuglia della Polizia Stradale di Modena Nord è stato possibile sapere che l’uomo era un piccolo imprenditore che aveva dovuto chiudere la propria attività di elettricista per le gravi difficoltà economiche del momento. Padre di due figli si è visto nella disperazione quando più volte sono state respinte le richieste di lavoro, facendolo cadere in uno stato di prostrazione e depressione che lo ha portato a maturare l’intenzione di farla finita.

 

Una volta tranquillizzato l’uomo è stato accompagnato con l’autoambulanza del 118 presso l’Ospedale di Baggiovara (Mo) per essere sottoposto ad un colloquio psichiatrico che ha certificato l’abbandono delle intenzioni suicide e, quindi, dopo aver avvertito i famigliari, con il loro consenso è stato fatto rientrare a casa.
Nell’autovettura utilizzata dall’uomo per recarsi sul luogo scelto per il tentato suicidio gli uomini della Stradale hanno rinvenuto alcune lettere nelle quali lo stesso dichiarava apertamente le proprie intenzioni: la macchina è stata recuperata e depositata presso il Comando per la successiva restituzione.
Pur in un momento buio e caratterizzato da difficoltà economiche laceranti, il 38enne ha avuto la fortuna di trovare sulla sua strada i poliziotti della Stradale di Modena Nord che, con competenza e prontezza, lo hanno restituito alla vita.  Ora spetta a lui, e magari alle istituzioni, cercare la maniera di percorrere il più serenamente possibile questo cammino ogni giorno più duro e tortuoso. (ASAPS)
 

Mercoledì, 17 Luglio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK