Martedì 16 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su
NO 150/H 19/04/2004

150 MOTIVI PER DIRE NO AI 150.

150 MOTIVI PER DIRE NO AI 150.
Intanto perché questo provvedimento? Per accontentare forse i tifosi della velocità dopo che si è dato un giro di vite con il giustissimo provvedimento della patente a punti, che pur sta dando qualche buon risultato.
Sarebbero anche più di 150 i motivi per dire no ai 150, ma per rispetto della sintesi ci soffermiamo solo su alcuni.
- Nessun Paese dell’Ue ha sentito questa esigenza, anzi l’Italia sarà il solo ad adottare questo nuovo limite, proprio mentre vari studi nell’ambito della comunità sottolineano come una riduzione della velocità media di 5 km nelle strade extraurbane e autostrade, da solo farebbe diminuire la mortalità in Europa di circa 10.000 vittime.
- Il limite viene adottato proprio in un Paese come l’Italia che negli ultimi 5 anni ha fatto segnare le peggiori performances in termini di risultati per la sicurezza stradale.
- L’annuncio della  prossima adozione del provvedimento in alcuni tratti è stato dato proprio alla vigilia del 7 aprile, giornata mondiale della sicurezza stradale , così come indicato dall’OMS, che ha a sua volta sottolineato in quei giorni che la velocità rimane il fattore di rischio principale sulle strade. Cosa più inopportuna non si poteva fare.
- Non può essere invocata la qualità delle strade, giudicate migliori rispetto al passato. Le autostrade italiane, anche quelle a 3 corsie, risulta siano state costruite per una velocità massima ideale  di 140 km/h. Altri paesi dell’Ue hanno una rete stradale ben migliore della nostra e non pensano neppure lontanamente di elevare i limiti. Negli stessi USA con autostrade a 4 -6 corsie e cilindrate medie di 2.500-3.000 cc, si accontentano di limiti che sono mediamente di 56 miglia.
- Non può essere invocata la migliore qualità dei veicoli. Intanto il nostro parco veicolare e mediamente più vecchio di quello di molti altri paesi che comunque non adottano il provvedimento. Poi dipende da chi conduce il veicolo. Una superberlina, superaccessoriata darà le stesse garanzie se condotta da un uomo di 30 anni con un tempo di reazione inferiore a un secondo o se condotta da un anziano con un tempo di reazione di un secondo e mezzo?
- L’effetto psicologico di traino (negativo) sarà deleterio anche per tutte le altre strade.
- Il nuovo limite consentirà di viaggiare fino a 200 km/h  senza sanzioni di rilievo e senza ritiro di patente fino a 201 km/h. La “terribile” sanzione sarà di appena 137,55 euro e 2 punticini per la patente, esattamente gli stessi previsti per chi non indosserà il giubbotto retroriflettente mentre posiziona il triangolo per cambiare una gomma. Risibile.
- Poiché saranno competenti a adottare la decisione finale le concessionarie autostradali, potrebbero verificarsi decisioni a macchia di leopardo, magari con difformi provvedimenti fra concessionario e concessionario, lungo la stessa direttrice autostradale, insomma una sorta di federalismo autostradale.
- Qualcuno dovrebbe poi ricordare che a 130 km/h, con un normale tempo di reazione serviranno circa 135 metri, compreso lo spazio di frenata, per fermarsi. A 150 km/h di metri ne serviranno complessivamente 175, ben 40 in più.
- Se deve quindi dedurre che, volendo rispettare e far rispettare le regole, le distanze di sicurezza dovranno aumentare notevolmente.
- Si deve poi considerare che delle 3 corsie quella di destra rimarrà, ovviamente, sempre occupata dai veicoli lenti pesanti. Si potrà cosi realizzare che quando un autotreno o un pullman si porranno in sorpasso alla velocità massima per loro prevista rispettivamente di 80 e 100 km/h, resterà libera come già accade oggi, per alcuni tratti, la sola terza corsia di sorpasso, una sorta di imbuto dove andranno ad inserirsi due correnti di traffico, una dei nuovi 150isti (quelli che prima viaggiavano regolarmente a 130 che si adegueranno al nuovo limite legale) la seconda di  quelli che già oggi viaggiano regolarmente a 170-180 che si adegueranno ai 200 data la quasi impunità.
- Il guadagno di tempo, a percorrere le brevi tratte con il nuovo limite, sarà assolutamente minimo, irrilevante rispetto al viaggio affrontato. Il maggior rischio sarà assolutamente rilevante.
- I 150 sono semplicemente una deplorevole valvola di sfogo in un sistema stradale pericoloso e ormai collassato anche  nella rete autostradale,  nel quale non è importante tanto arrivare prima, ma semplicemente arrivare. E’ un concetto così semplice da apparire banale.
Lunedì, 19 Aprile 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK