Domenica 25 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Sicurstrada 18/06/2010

Il quesito del giorno - Conducente comunitario che lavora con ditta italiana può continuare a condurre veicoli per trasporto merci con CQC estera?

Un conducente comunitario munito di patente estera che lavora per una ditta con sede in Italia, ha l’obbligo di conseguire la CQC italiana oppure può continuare a condurre veicoli per trasporto merci con CQC estera?

email-Piacenza

***

(ASAPS) La carta di qualificazione del conducente rilasciata da uno Stato membro dell’Unione europea o appartenente allo Spazio economico europeo può essere convertita in equipollente documento italiano ad un conducente che acquisisce la residenza in Italia ovvero che lavora alle dipendenze di un’impresa di autotrasporto avente sede in Italia.
Alla luce di quanto esposto ed entrando nei contenuti del quesito, si rappresenta che non sussiste l’obbligo di conversione della CQC e pertanto tale conducente potrà continuare a circolare con il veicolo immatricolato in Italia avendo la CQC rilasciata da altro Stato comunitario. (ASAPS)

Venerdì, 18 Giugno 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK