Lunedì 20 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 25/02/2011

Milano - “Multato ingiustamente” e il Prefetto ricorre a se stesso per annullare la sanzione

Beccato a parcheggiare in uno spazio riservato ai disabili ha spiegato che la vettura era guasta

Foto di repertorio dalla rete

(ASAPS), 25 febbraio 2011 - Se un cittadino ritiene di essere stato multato ingiustamente può presentare un ricorso in prefettura e fin qui nulla di strano. Ma cosa succede se ad essere multato è lo stesso Prefetto? Beh… non gli resta che far ricorso a se stesso. Così ha deciso di fare il Prefetto di Milano Lombardi dopo essere stato, secondo lui, ingiustamente sanzionato per avere lasciato la sua auto in sosta in uno spazio riservato ai disabili. La macchina del funzionario infatti era guasta a causa di un’avaria improvvisa del motore e per forza di causa maggiore il conducente sarebbe stato costretto ad occupare abusivamente il posteggio riservato ai portatori di handicap. A riportare la vicenda il numero di “Quattroruote” in edicola oggi che raccoglie le dichiarazione del Prefetto che spiega di aver presentato il ricorso per l’annullamento per evitare la decurtazione dei punti, prevista per il caso di specie.
Lo stesso Lombardi ha specificato di non aver preso alcuna decisione in merito, ovvero non si è annullato la multa da solo, ma ha pagato per poi procedere con un ricorso in cui chiede a se stesso l’annullamento della contravvenzione spiegando di aver avuto un “guasto della vettura”. La multa risale al 16 settembre 2010 e l’auto era in sosta in via San Giovanni sul Muro, vicino ad un teatro dove era in corso una serata della rassegna Mito.
A parte l’assoluta inopportunità del ricorso da parte del Prefetto per un fatto come quello descritto, i molti articoli che hanno parlato della vicenda hanno dimenticato di dire che esisteva un’altra possibilità a nostro parere più onorevole. Il Prefetto, se proprio non sapeva rinunciare al ricorso, poteva esercitare il suo diritto inoltrandolo direttamente al Giudice di Pace sulla base del principio che il giudice deve essere sempre terzo. (ASAPS)



Venerdì, 25 Febbraio 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK