Sabato 15 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 21/01/2010

Polizia municipale sempre più vicina alle mutate esigenze della città

Consegnata all’arcivescovo Pappalardo la placca di vigile onorario
Un vigile in più, ma onorario, nel Corpo di Polizia municipale: è l’arcivescovo monsignor Salvatore Pappalardo, che in occasione della 53. festa del Corpo, ha visto ufficializzata la sua placca distintivo, la numero 181. La festa ha avuto luogo ieri mattina, fra piazza Duomo, dove i reparti si sono schierati, e la chiesa di Santa Lucia alla Badia, dove l’arcivescovo ha celebrato una messa nel giorno di San Sebastiano, patrono dei vigili urbani. Dal comandante, il colonnello Salvo Correnti, è stata rinnovata la solidarietà al vigile Pietro Lauretta, il quale, vittima di una brutale aggressione nello scorso mese di febbraio, a seguito della quale riportò la frattura di entrambe le braccia. L’anno appena trascorso, il 2009 - ha detto Correnti, tracciando un bilancio - sarà ricordato il G8 Ambiente. In quell’occasione la Polizia Municipale è stata chiamata ad un impegno più che gravoso che non si è limitato ai soli quattro giorni dell’evento, ma che ha visto tutti gli appartenenti al corpo impegnati per quasi tre mesi. Prima per la necessaria assistenza ai lavori che hanno interessato molte vie della città e poi al presidio e alla gestione della circolazione durante i giorni del summit per un totale di circa 6.500 ore di lavoro sia ordinario che straordinario. Tale attività alla fine ha originato il plauso e l’apprezzamento da parte delle istituzioni, riassumibili nella nota inviataci dal Ministro Stefania Prestigiacomo. Ma il nostro lavoro è quotidiano - ha proseguito Correnti -: le attività che ci portano fra la gente, quasi sempre per cercare di mettere ordine negli spazi pubblici, sulle strade, con attività finalizzate al controllo per migliorare la viabilità e la sicurezza della città, con attività operative che difficilmente incontrano il favore dei cittadini coinvolti, normalmente ossessionati dalle loro priorità ed esigenze. Per fortuna, però, il vigile opera anche in un contesto più grande che non è solo il traffico e la viabilità ma è la città con tutti i fenomeni ad essa annessi che esalta la figura dell’operatore della Polizia Municipale. Ed è questo quanto emerge dall’analisi dei dati relativi all’attività svolta nel 2009, un impegno a largo raggio. Nel 2009 è stato istituito il nucleo di polizia turistica, composto da un ispettore e sei agenti, tutti in grado di dialogare almeno in una lingua straniera. Un servizio ampiamente apprezzato dagli operatori commerciali, dalle guide turistiche e soprattutto dai turisti. Valido presidio di controllo, gli operatori hanno elevato, ad esempio, 23 verbali per l’esercizio abusivo dell’attività di guida turistica». Fra le cifre snocciolate da Correnti relative all’ultimo anno di attività, il rilevamento di 42.520 infrazioni al Codice della Strada. Sono stati rimossi 3.614 veicoli e segnalate 252 auto in stato di abbandono, ne sono state rimosse 80, ne sono state demolite 138. Delle infrazioni sopra citate, 10.541 scaturiscono da accessi non autorizzati nella ztl, per la quale sono stati complessivamente rilasciati o rinnovati 7618 autorizzazioni di accesso e sosta, mentre i permessi temporanei sono stati 12672.  «Siate sempre sensibili - ha detto il sindaco Visentin ai vigili - alle esigenze dei cittadini e continuate ad essere degli "amici autorevoli" che educano prima di multare».

Da la Gazzetta del Sud

 

Giovedì, 21 Gennaio 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK