Lunedì 20 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 21/12/2010

Roma - “100 di questi Icaro”, il libro sul Progetto Icaro

Il volume raccoglie alcuni momenti significativi della campagna sulla sicurezza stradale realizzata da Polizia di Stato e dalla Fondazione Ania

La copertina del libro – foto da Poliziadistato.it

(ASAPS), 21 dicembre 2010 – Il “Progetto Icaro” diventa un libro. Si intitolerà “100 di questi Icaro” il volume che raccoglierà i contenuti della campagna di sicurezza stradale realizzata da Polizia di Stato e dalla Fondazione Ania, con la partecipazione del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la collaborazione del dipartimento di Psicologia dell’Università "La Sapienza" di Roma e del Moige. Il testo sarà abbinato ad un Dvd curato dal Vice Questore aggiunto della Polizia di Stato Elisabetta Mancini. Un modo diverso per dare seguito ad un progetto importante che ha il compito di far capire ai più giovani che sulla strada, purtroppo, si può morire e che gli incidenti si possono evitare rispettando le regole. “Quella di una sempre maggiore sicurezza stradale - ha spiegato Antonio Manganelli, Capo della Polzia - è una sfida importantissima, ma per vincerla abbiamo bisogno del contributo di tutti, di un continuo lavoro di gruppo. In quest’ottica la prevenzione riveste un ruolo chiave, in particolare l’incontro e il dialogo con i giovani: c’è un dato che mi spaventa, quello secondo cui la prima causa di morte tra i giovani sotto i 30 anni sono proprio gli incidenti stradali, anche se il numero dei decessi in questa fascia d’età è in calo”. “I dati sulla diminuzione degli incidenti - ha confermato Roberto Sgalla, Direttore del servizio di Polizia Stradale - sono confortanti: nell’ultimo quinquennio le vittime under 29 sono scese del 31% ma anche se abbiamo ridotto il numero di incidenti, fino ad essere tra i paesi più virtuosi, l’anno scorso a perdere la vita sono stati ancora in troppi, oltre 4.200. Quelli di Icaro sono stati 10 anni molto intensi, segnati dall’incontro con decine di migliaia di studenti e centinaia di professori in 160 città diverse nella convinzione comune che la prevenzione conti tantissimo e che ogni uomo e donna della polizia che entra in una scuola compie un lavoro importantissimo”. (ASAPS)

 

Martedì, 21 Dicembre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK