Venerdì 24 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 03/12/2010

Bruxelles - Sicurezza stradale, basta impunità per chi commette infrazioni all’estero

I paesi Ue apriranno i registri di immatricolazione nazionale alle autorità degli altri stati membri

 

Il Parlamento Europeo- Foto dalla rete

(ASAPS), 3 dicembre 2010 – D’ora in avanti chi verrà sorpreso all’estero a superare i limiti di velocità o a guidare senza la cintura di sicurezza o peggio ancora sotto effetto di droghe o alcool, sarà perseguito anche nel paese di immatricolazione dell’auto.
Grazie ad un accordo raggiunto nella giornata di ieri a Bruxelles dai ministri dei trasporti dei 27, i paesi Ue collaboreranno tra loro, aprendo i registri di immatricolazione nazionale alle autorità degli altri stati, affinché le infrazioni commesse all’estero da guidatori stranieri non restino impunite. Fine delle furberie per gli stranieri che vengono da noi, ma anche per gli italiani che vanno nei paesi europei. (ASAPS)

 

 

Venerdì, 03 Dicembre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK