Mercoledì 21 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su

ALIA chiede di non abolire la Consulta nazionale sull’alcol e i problemi alcolcorrelati

Aderisce anche l’Asaps
 

29822




ALIA  scrive al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, al presidente della Camera Gianfranco Fini, al presidente del Senato Renato Schifani, per evitare che venga soppressa la Consulta nazionale sull’alcol e i problemi alcolcorrelati, in quanto non prevista tra gli organismi collegiali prorogati ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 agosto 2010.
Lancia, inoltre, una campagna per l’invio di e-mail agli stessi destinatari.
Di seguito si pubblicano: il testo della lettera, il testo dell’e- mail e le modalità di invio.

Testo della lettera (PDF)

Testo dell’e-mail

Illustrissimo presidente

Con la presente Le chiedo di intervenire per impedire la soppressione della “Consulta Nazionale sull’alcol e i problemi alcol correlati”, attualmente non inserita tra gli organismi collegiali prorogati ai sensi della direttiva del presidente del consiglio dei Ministri (4/8/2010).
La consulta, prevista dalla legge 125/2001 (Legge quadro in materia di alcol e di problemi alcol correlati) è stato uno strumento fondamentale in quanto è l’organismo in cui la società civile, la comunità scientifica, i rappresentanti dell’industria e dei produttori, i decisori politico amministrativi (regioni e governo), hanno potuto confrontarsi, lavorare insieme e produrre linee guida importanti che hanno ispirato alcuni provvedimenti governativi in tema di protezione e promozione della salute in campo alcologico.
La sua soppressione non è assolutamente motivata da risparmi o eliminazione di sprechi visto che non vi sono gettoni ma il solo rimborso del viaggio per i pochi membri che vengono da fuori Roma (che in molti casi provvedono anche autonomamente a pagarsi il viaggio).
L’alcol è per il mondo occidentale la droga più pericolosa e il terzo fattore di rischio per la salute della popolazione generale (con una spesa socio-sanitaria in Italia pari a oltre 45 miliardi di Euro).
Chiediamo pertanto il Suo intervento, certi della Sua sensibilità, visto che i problemi e le patologie alcol correlate rappresentano una reale piaga per le famiglie e un costo per la collettività.
Sarebbe un segnale di arretramento culturale verificare che, oltre alla mancata sensibilità dei ministri competenti che avrebbero potuto e dovuto evitare questa incresciosa situazione, si giungesse a penalizzare la società privandola di un rilevante strumento di concertazione utile alla costruzione di buone pratiche di governo, di riflessione e di impegno di tutti i cittadini mirati a ridurre l’impatto negativo dell’alcol sulla persona e sulla collettività.
La soppressione della consulta nazionale alcol non può passare sotto silenzio né è accettabile che per presunti e immotivate ragioni di tagli della spesa pubblica si contribuisca ad infliggere un forte colpo ad una storia di valori e di azioni che hanno creato un modello esportato nel mondo come esempio da seguire.
 
Distinti saluti
FIRMA
 
Modalità di invio
* Presidente della Camera: http://presidente.camera.it/760
* Presidente Repubblica: https://servizi.quirinale.it/webmail/

Per questi due destinatari occorre cliccare sul link e compilare i campi obbligatori indicati nella mascherina. Il testo va incollato nell’apposito spazio.
Presidente del Senato:  renato.schifani@senato.it

Giovedì, 25 Novembre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK