Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 27/10/2010

Nettuno(Roma) - Campagna di prevenzione contro le stragi del sabato sera ispirata al cinema

La locandina del progetto rivolta ai giovani cita il cult movie “La febbre del sabato sera” per invitare il popolo della notte a non bere prima di mettersi alla guida

Il manifesto della campagna contro lo sballo del sabato sera lanciata dal Comune di Nettuno

(ASAPS), 27 ottobre 2010 - Il Comune di Nettuno in Provincia di Roma, ha lanciato  una nuova campagna di sensibilizzazione contro le stragi del sabato sera ispirandosi al film culto del mondo delle discoteche “La febbre del sabato sera”. Il manifesto dell’iniziativa colpisce nel segno mostrando la vittima di un incidente dal sabato sera non solo vestita come il protagonista del film, interpretato da John Travolta, ma anche rievocando una delle "mosse" da ballo più famose del suo personaggio. Lo slogan della campagna invita chi frequenta le discoteche a bere responsabilmente e guidare con prudenza, "Se rimani sobrio, rimani vivo" mentre l’annuncio riporta con neon luminosi "Staying Alive", dal titolo di una delle canzoni più popolari della colonna sonora del film. L’Italia è tristemente famosa per il fenomeno delle stragi del sabato sera, che vedono tantissimi giovani morire in incidenti stradali nelle notti del fine settimana, dopo una notte tra amici ballando in discoteca, soprattutto a causa di abusi con alcol e droghe. Secondo l’Istat nel nostro Paese i morti su strada sono quasi 5mila all’anno con oltre 300mila feriti, in media più di 13 morti e 800 feriti al giorno. Meno dell’1,5% dei decessi annuali che si verificano in Italia avvengono su strada, ma tra i 15 e i 24 anni questa proporzione sale oltre il 40%, costituendo la prima causa di morte in questa fascia d’età.  La speranza degli ideatori del progetto è di riuscire a sensibilizzare il popolo della notte verso un consumo più moderato di alcol e soprattutto verso una maggiore prudenza e sicurezza alla guida. (ASAPS)

Mercoledì, 27 Ottobre 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK