Lunedì 27 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su

Spagna, pronti i dati del 2009: 1.981 morti
Risparmiate 194 vite rispetto al 2008, ma con il nuovo decremento, pari al 13%, la Spagna dimezza la mortalità dal 2003 ed entra nel Gotha della sicurezza stradale

Foto di repertorio


(ASAPS) MADRID – Ci siamo: comincia il conto. Noi italiani abbiamo appena finito di leggere il rapporto Istat sulla sinistrosità del 2008 ed ecco che dal resto del mondo cominciano ad arrivare i dati del 2009, appena mandato in archivio. I primi a tagliare il traguardo della rapidità d’analisi sono gli spagnoli, che hanno già reso noto un primo rapporto relativo all’anno passato, dal quale si evince che la discesa del numero di vittime continua ed ora siamo al livello più basso dal 1964. Segno che la politica governativa in materia di sicurezza sulle strade, funziona: parola di Alfredo Pérez Rubalcaba, ministro dell’Interno. È questo il sesto anno consecutivo di decremento, che ha portato il numero delle vittime a 1.987, il 13% in meno rispetto al 2008, quando le lenzuola bianche stese sull’asfalto erano state 2.181, facendo toccare così il livello più basso dal 1965. Certo, tra il 2008 ed il 2007 il decremento era stato più marcato, -20,4% rispetto al -13%, ma con questo nuovo ribasso – che vale 194 vite – il regno di Spagna tocca -50% dei morti dal 2003. Il che consente a tutta la penisola iberica, visto che il Portogallo aveva centrato analogo risultato già nel 2008, di potersi sentire in pari con la coscienza d’Europa; l’obiettivo di dimezzare la mortalità entro il 2010, almeno entro i Pirenei, è stato raggiunto. In Spagna il sistema di decurtazione dei punti è entrato in vigore a partire dal luglio 2006, mentre dal 2007 sono state irrigidite le sanzioni per eccesso di velocità ed abuso di bevande alcoliche, raddoppiando la presenza sulle strade degli agenti, tutti rigorosamente responsabilizzati e formati, ed operando un forte coordinamento con le polizie locali. Un miraggio, rispetto a quanto accade in Italia, dove gli organici della Polizia Stradale languono e dove l’età media degli effettivi delle forze di polizia aumenta considerevolmente. Sembra che la ricetta spagnola funzioni davvero. (ASAPS)

Martedì, 05 Gennaio 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK