Domenica 23 Giugno 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 10/01/2010

L’agenda Asaps della sicurezza stradale 2010

Con inserito un CD contenente il CdS aggiornato e un insieme di “1.500 quesiti e 1.500 risposte” sui temi del codice della strada e della circolazione
 



L’agenda della sicurezza stradale 2010 oltre a contenere le informazioni preliminari con i numeri telefonici dei Compartimenti Polstrada, dei COA, i numeri dei vari organi di polizia, contiene anche i numeri telefonici di tutti gli uffici della Motorizzazione Civile d’Italia, delle varie direzioni dei gestori autostradali e delle frequenze FM della radio che danno informazioni sulla circolazione. Seguono le 52 settimane dell’anno, e una parte con tutte le informazioni dei vari opuscoli Asaps, su argomenti come: la patente a punti, la campagna sull’uso delle cinture di sicurezza posteriori, i reali limiti di velocità aggiornati, l’alcol alla guida con il testo aggiornato, cosa fare in caso di incidente stradale, informazioni sui comportamenti dei pedoni e ciclisti, e altre ancora. Un’agenda/testo di rilevante cifra informativa, ricca di materiale utile alla mobilità per tutti gli automobilisti e a quanti si occupano di sicurezza stradale. L’ultima di copertina conterrà un altro CD-Rom con una raccolta dei “Vostri quesiti: 1.500 domande e 1.500 risposte” 500 in più rispetto a quelli dello scorso anno, sui temi del codice della strada e della circolazione come: l’etilometro, l’autovelox, le caratteristiche tecniche dei veicoli, il trasporto merci, la viabilità in autostrada, i verbali, i ricorsi, la segnaletica stradale, i limiti delle strade. Saranno mantenuti anche i 1.000 quesiti e le 1.000 risposte del Cd 2009. 
Cosa molto importante, il CD-Rom contiene anche il testo del Codice della Strada e regolamento già integrato con la legge n.94 del 15 luglio 2009 e sarà aggiornabile on line con le ulteriori novità dal 1° gennaio 2010.

 



Domenica, 10 Gennaio 2010
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK