Sabato 13 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/02/2008

Permessi invalidi: Firenze, 150 indagati per utilizzo abusivo


foto dalla rete

Firenze, 28 feb. - Centocinquanta persone indagate dalla Procura della Repubblica di Firenze per utilizzo abusivo di permesso per invalidi con denunce per reati che vanno dalla truffa aggravata alla sostituzione di persona fino alla falsificazione di atto. E in alcuni casi e’ scattata anche la denuncia per i titolari di permesso invalidi per favoreggiamento o concorso. E’ questo il primo risultato di un’indagine iniziata dalla Polizia Municipale nel 2007 e condotta, dall’estate, dai sostituti procuratori Tei e Laterza.
Tornando all’inchiesta che va avanti da sei mesi, il Reparto Investigativo della Polizia Municipale, composto da un gruppo di una decina di agenti formati ad hoc, ha sviluppato due filoni di indagine.
Il primo riconducibile all’uso di permessi rilasciati a persone ricoverate in modo pressoche’ permanente in case di cura; il secondo relativo all’uso di contrassegni invalidi su veicoli non al servizio dell’intestatario del permesso ma per scopi direttamente riconducibili al conducente del mezzo. Nelle indagini, partite in seguito a una serie di violazioni rilevate da agenti del distaccamento centrale della Polizia Municipale, sono state utilizzate le piu’ moderne tecnologie a disposizione. Per esempio sono stati incrociati i dati rilevati dalle porte telematiche, che registrano tutti i passaggi dei veicoli che accedono alla ztl, con i dati dei gestori della telefonia mobile (per verificare dove si trovasse l’intestatario nel momento dell’utilizzo del permesso), degli istituti bancari, delle case di cura e di riposo.
Sulla base di questa prima verifica l’autorita’ giudiziaria ha emesso alcuni decreti di perquisizione e di ispezione domiciliare: per 15 persone e’ quindi scattato il sequestro dei permessi e relativi telepass indebitamente usati, e ancora della fotocopie di permessi vari e in alcuni casi anche dei veicoli utilizzati per commettere le infrazioni e dei telefoni cellulari. I reati ipotizzati a carico degli indagati dalla magistratura inquirente e confermati dai primi pronunciamenti del giudice per le indagini preliminari sono di truffa aggravata a danno della Pubblica Amministrazione (che prevede la reclusione fino a 5 anni e la multa fino a 1.549 euro) e di sostituzione di persona (che invece prevede la reclusione fino a un anno).
Ma non e’ finita qui. In alcuni casi sono infatti emerse responsabilita’ anche da parte dei titolari dei permessi e pertanto per loro e’ scattata la denuncia per favoreggiamento o per concorso nel reato. Pesanti le conseguenze per gli indagati anche dal punto di vista finanziario. L’Amministrazione comunale si costituira’ infatti parte civile e richiedera’ il risarcimento dei danni relativo al mancato introito delle sanzioni previste per chi accede alla ztl senza autorizzazione (attualmente pari a 70 euro).

Da agi.it


© asaps.it
Giovedì, 28 Febbraio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK