Sabato 04 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/01/2008

Spinea (VE) - ”Sexy-vigilessa” di legno contro chi corre troppo in una via del paese

Un rimedio eccentrico che sembra funzionare


La sagoma della “sexy-vigilessa” – foto La Nuova Venezia.it

(ASAPS), 31 gennaio 2008 - E’ bionda e in minigonna, è di legno... ma funziona: è la sexy-vigilessa, in divisa, non proprio d’ordinanza, che con la paletta spianata aspetta al varco le auto che sfrecciano lungo via Capitanio, a Spinea (VE). L’idea di posizionare la sagoma di legno ai lati della strada è venuta ai residenti della zona esasperati dal traffico e dagli automobilisti che premono sull’acceleratore senza preoccuparsi del limite di velocità di 30 km all’ora. La decisione di adottare il rimedio “fai da te”, fanno sapere i cittadini dalle pagine della Nuova Venezia, è arrivata dopo averle provate veramente tutte: petizioni, numerose segnalazioni alla Polizia Municipale, quella vera, in “carne e ossa” sino all’affissione di un cartello con la scritta: “Per favore rallentare. Grazie”. Tutte iniziative che non hanno dato il risultato sperato. L’idea originaria era quella di realizzare un finto autovelox, poi l’artigiano incaricato di realizzare “l’opera” ha deciso di creare la sexy vigilessa. E da quello che dicono i residenti, sempre dalle pagine del giornale veneziano, lo stratagemma funziona. Gli automobilisti rallentano e guardano. Non è certo che lo facciano per paura di un’eventuale sanzione, però l’importante è che alzino il piede dall’acceleratore. Iniziative simili, anche più “stravaganti”, erano già state adottate sia in Italia sia all’estero. In Danimarca delle belle ragazze in topless ricordano agli automobilisti in transito i limiti di velocità da rispettare. E a Forlì (FC) alcuni anni fa si adottò un rimedio, questa volta ufficiale, simile a quello veneziano. All’epoca vennero realizzate alcune sagome di un agente della Polizia Municipale che avrebbero dovuto agire come deterrente per chi aveva il piede troppo pesante. (ASAPS)


© asaps.it
Giovedì, 31 Gennaio 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK