Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 17/07/2007

Roma - La Guardia di Finanza di Genova sequestra minimoto cancerogene

Tredicimila pezzi ancora in commercio

Foto Blaco – archivio Asaps

(ASAPS) – Minimoto cancerogene sequestrate dalla Guardia di Finanza di Genova. Le piccole due ruote sono state trovate in un distributore alle porte di Roma, dopo una serie di perquisizioni eseguite ad Ariccia, Aprilia e Pomezia. Le irregolarità consistevano in vapori cancerogeni sprigionati dal surriscaldamento delle gomme, ma anche saldature difettose e una estrema facilità a prendere fuoco. In circolazione ci sarebbero ancora 13mila esemplari pericolosi. L’intera operazione denominata “Pocket bikes” ha avuto origine da un sequestro compiuto dai militari della GdF della tenenza dell’aeroporto di Genova che hanno intercettato alcune minimoto commercializzate presso corrieri espresso. Secondo quanto ricostruito dai militari della Guardia di Finanza erano due i modelli messi in commercio dal distributore, una di tipo stradale e l’altro per il fuoristrada. Su entrambi sarebbero stati riscontrati, in totale, 30 elementi di difformità rispetto alle previste normative in materia. Anche le manopole di plastica sul manubrio erano state montate in modo tale che potessero allentarsi e cedere e la corona della catena poteva tagliare una mano al pilota. A differenza delle minimoto “regolari” che hanno un costo di alcune migliaia di euro, quelle sequestrate venivano vendute per lo più attraverso inserzioni su internet a prezzi che potevano abbassarsi fino a qualche centinaio di euro. Ad aggravare la situazione anche il fatto che sul telaio non fosse riportato il divieto di utilizzo da parte dei bambini. La Procura della repubblica di Genova ha emesso un provvedimento di sequestro a livello nazionale diramato a tutti i comandi della Guardia di Finanza affinché i modelli già commercializzate vengano ritirati dal mercato e i distributori dove sono state sequestrate le minimoto saranno denunciati per frode in commercio e inosservanza sulle disposizioni in materia di sicurezza dei prodotti. (ASAPS)

© asaps.it
Martedì, 17 Luglio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK