Domenica 09 Maggio 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 29/06/2007

Piacenza - Quattro giovani cremonesi muoiono in un incidente stradale
Nello schianto anche tre feriti

Alcol e velocità sembra siano le cause del sinistro

   

Un grave incidente notturno – archivio Asaps


(ASAPS) – All’indomani dell’approvazione alla Camera del Ddl che inasprisce le pene per chi viola le regole del Codice della Strada, su una strada del nostro Paese si è consumata l’ennesima tragedia. L’ennesima tragedia che vede coinvolti i giovani e causata dall’abuso di alcol e dalla velocità elevata. Quattro le vittime (il più grande aveva 28 anni il più giovane 20), del tragico incidente che si è verificato mercoledì sera sulla strada provinciale che collega Piacenza a Cremona, nelle vicinanze dello svincolo di Cortemaggiore, tra Monticelli d’Ongina e Castelvetro Piacentino. Quattro amici che rientravano da una serata trascorsa a Codogno si sono visti piombare addosso l’audi A4 station wagon guidata da un albanese di 27 anni, P.D. le sue iniziali, residente a Forlì. Anche se le cause e la dinamica esatta dell’incidente non sono ancora ben chiare, sembra che l’Audi abbia imboccato la semicurva a velocità elevata invadendo parzialmente la corsia dove in quel momento transitava la Seat Leon con a bordo i quattro amici. Una frazione di secondo, uno schianto e altre quattro giovani vite spezzate. Sempre da indiscrezioni, sembra che i tre albanesi a bordo della station wagon, uno di loro ora è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Cremona, fossero appena stati respinti dal buttafuori di un locale perché visibilmente alterati. La verità la diranno gli esami a cui saranno sottoposti i tre extracomunitari. Le altre due vittime avevano 21 e 24 anni e tutte e quattro risiedevano a Cremona. Gli occupanti “dell’auto killer”, altri due cittadini albanesi di 22 e 34 anni, sono stati ricoverati all’ospedale della città lombarda. (ASAPS)


© asaps.it
Venerdì, 29 Giugno 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK