Sabato 04 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 29/05/2007

Manutenzione - 24.589 milioni per la manutenzione dell’auto (+3,9%) nel 2006

 

E’ di 695 euro la spesa media per la manutenzione e le riparazioni che nel 2006 l’automobilista medio italiano ha sostenuto per la sua autovettura. Il dato deriva da uno studio compiuto dall’Osservatorio Autopromotec, struttura di ricerca della manifestazione fieristica internazionale di attrezzature, prodotti e servizi per l’assistenza ai mezzi di trasporto, in corso in questi giorni nel quartiere fieristico di Bologna. Per il complesso degli automobilisti italiani la spesa totale per l’autoriparazione nel 2006 è stata di ben 24.589 milioni di euro, con una crescita del 3,9% rispetto al 2005. Secondo l’Osservatorio Autopromotec, sono molti i fattori che incidono sulla dinamica della spesa per la manutenzione e le riparazioni di automobili. Innanzitutto bisogna considerare l’andamento dei prezzi dei ricambi e dell’attività di manutenzione e riparazione. Nel 2006 secondo l’Osservatorio Autopromotec i prezzi sono aumentati del 2,9%. Un altro elemento che incide sulla crescita della spesa e’ poi l’incremento del parco circolante. Nonostante l’Italia abbia gia’ una densità automobilistica molto rilevante, il parco circolante continua a crescere e per il 2006 l’Osservatorio Autopromotec ha stimato un incremento di circa il 2%. Vi sono tuttavia anche fattori che contribuiscono a contenere la crescita della spesa. Innanzitutto il progresso tecnologico che ha fortemente investito il settore dell’automobile consente di ridurre le esigenze di manutenzione ed inoltre l’accelerato rinnovo del parco circolante fa aumentare il peso delle vetture più giovani. Questi due elementi stanno portando ad una tendenziale diminuzione del numero medio di interventi di officina all’anno per ogni auto. D’altra parte, per questi interventi, quando comunque vi è l’esigenza di eseguirli, le operazioni da compiere sono più complesse e ne deriva quindi una spinta alla crescita della spesa. Occorre anche considerare che un impulso al ricorso alle officine è venuto anche dall’introduzione delle revisioni obbligatorie ed inoltre incide il fatto che tendono ad aumentare gli standard di efficienza dei veicoli circolanti sia per quanto riguarda la sicurezza che per quanto riguarda le emissioni. Ad Autopromotec 2007 in questi giorni è esposto quanto di più avanzato offre la produzione mondiale per l’assistenza agli autoveicoli, è da tempo investito da un profondo processo di trasformazione. Da un lato la normativa europea sulla vendita e l’assistenza agli autoveicoli e la nascita e lo sviluppo di catene per la manutenzione e le riparazioni hanno creato opportunità e sfide per il settore dell’autoriparazione, che conta attualmente ben 84.500 aziende tra officine indipendenti e punti di assistenza appartenenti alle reti ufficiali delle case automobilistiche. Dall’altro la crescente complessità dell’automobile impone un costante aggiornamento in termini di attrezzature, di software e di formazione permanente degli operatori.

Autostrade News

© asaps.it
Martedì, 29 Maggio 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK