Domenica 14 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/08/2006

Roma
La Cassazione stabilisce che i limiti di velocità devono sempre essere rispettati - La potenza dell’auto non giustifica l’eventuale infrazione

La Suprema Corte dà torto al GdP e dà ragione al Prefetto di Forlì - Cesena

 (ASAPS) – I limiti di velocità devono essere rispettati. Da tutti. Anche da chi possiede auto potenti con grosse cilindrate. Ha sottolineare questo dovere è stata la Corte di Cassazione che ha annullato una sentenza del Giudice di Pace di Cesena che aveva accolto l’opposizione di un cittadino contro un verbale per eccesso di velocità, elevato nel 2001 con l’ausilio dell’autovelox. La motivazione dell’accoglimento del ricorso del Giudice cesenate recitava: “ritenuto che il ricorrente sostiene di avere la certezza di non aver mai condotto la macchina alla velocità addebitatagli, che la macchina di cilindrata sufficientemente elevata (1600) consente di affrontare qualsiasi situazione, che la strada percorsa acconsente una velocità più sostenuta di quella indicata nel limite e, infine, che il ricorrente non è stato coinvolto in alcun sinistro”. La Suprema Corte (prima sezione civile, sentenza n. 18662 depositata il 29 agosto 2006) ha invece accolto il ricorso del Prefetto di Forlì-Cesena contro la decisione del Giudice di Pace, con la seguente motivazione: “La giurisprudenza di questa Corte si è consolidata nell’affermare che l’efficacia probatoria dello strumento rilevatore del superamento dei limiti di velocità, normativamente stabilita, opera fino a quando sia accertato, nel caso concreto, sulla base di circostanze allegate dall’opponente e debitamente provate, il difetto di costruzione, installazione o funzionamento del dispositivo elettronico”. “Nel caso specifico – si legge ancora nella sentenza degli “Ermellini” - la trascrizione della motivazione è sufficiente a dimostrare che il giudice del merito ha malamente disatteso le risultanze dell’apparecchio in base a elementi del tutto inidonei a contrastare l’efficacia che alle stesse va riconosciuta”. Ricapitolando: i limiti di velocità devono essere rispettati sempre e dovunque, anche se si è alla guida auto potenti e la conformazione della strada induce a spingere il piede sull’acceleratore.(ASAPS)


© asaps.it
Mercoledì, 30 Agosto 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK