Domenica 16 Giugno 2024
area riservata
ASAPS.it su

TERZO FINE SETTIMANA 19-21 APRILE 2024
20 VITTIME
5 GLI AUTOMOBILISTI, 8 MOTOCICLISTI, 3 PEDONI, 2 CICLISTI, 2 AUTOTRASPORTATORI
In aumento rispetto al fine settimana precedente quando le vittime furono 18
La vittima più giovane un bambino di un anno e mezzo, quelle più anziane due donne di 88 anni

Tra venerdì 19 e domenica 21 aprile, sono state 20 le vittime sulle strade italiane per incidenti, in aumento  rispetto al fine settimana precedente quando le vittime furono 18.
Lo ricorda l'ASAPS, Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale con sede a Forlì.
Si conta un incidente plurimortale con 2 vittime.
La vittima più giovane un bambino di un anno e mezzo, quelle più anziane due donne di 88 anni in due diversi sinistri.
Le 20 vittime sono state rispettivamente 5 automobilisti, 8 motociclisti, 3 pedoni, 2 ciclisti e 2 autotrasportatori.
Nel report è considerato il decesso di un bambino di un anno che era stato investito da auto in retromarcia guidata dal padre domenica 14 aprile e un ragazzo di 18 anni travolto da un'auto venerdì 5 aprile deceduto dopo due settimane.
La fuoriuscita del veicolo senza il coinvolgimento di terzi è stata la causa di 5 incidenti fatali.
5 gli incidenti mortali avvenuti su strade statali e provinciali. 
Fra le 20 vittime 7 avevano meno di 35 anni.
Sono state 5 le vittime in Lombardia, 4 in Emilia-Romagna, 2 in Toscana, Umbria e Sicilia e 1 in Trentino-Alto Adige, Veneto, Liguria, Lazio, Puglia.

 >In allegato il report 19-21 aprile 2024

 


 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

Mercoledì, 24 Aprile 2024
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK