Giovedì 22 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su

di Giordano Biserni*
Romagna il territorio più sicuro per i pedoni
Nel 2023 440 vittime in Italia, 37 in Emilia Romagna
Nessun pedone è stato ucciso sulla strada a Forlì e Cesena
Una vittima in provincia di Ravenna e 2 in quella di Rimini
Un vero record positivo

 

Consultando la mappa dell’ASAPS con la geolocalizzazione dove sono stati investiti e uccisi i pedoni in Italia nel 2023 si può vedere una sorta di rosa di 440 pallini neri  (una vera fucilata per la sicurezza stradale) che interessano più o meno tutto il territorio nazionale. E si tratta dei soli decessi nell’immediatezza del fatto a cui seguirà poi il calcolo dei decessi degli ospedalizzati.

Spicca nella geolocalizzazione dell’ASAPS lo  spazio pulito della Romagna dove non si vede nessun decesso di pedone nelle città di Forlì e Cesena e intera provincia, un solo decesso in provincia di Ravenna e 2 in provincia di Rimini.
In Emilia solo Piacenza fa iscrivere la cifra zero nella casella pedoni.
Insomma la Romagna nel 2023 si è segnalata come un territorio protetto per i pedoni e per l’ASAPS (che ha proprio la sua sede nazionale a Forlì) questo è motivo di grande soddisfazione.
Dichiara il presidente Biserni. “Ovviamente sarebbe interessante capire i motivi di questo risultato così positivo.

Ne azzardiamo alcuni. Innanzi tutto in Romagna molti passaggi pedonali ora sono protetti da isole di sicurezza centrali che permettono l’attraversamento della carreggiata  in due fasi distinte che favoriscono soprattutto gli anziani over 65 che, ricordiamo,  sono stati 231 su 440 pari al 53,4% degli investimenti fatali. Molti passaggi pedonali sono ben illuminati di notte, inoltre ogni passaggio pedonale è affiancato generalmente anche dal segnale verticale con il cartello blu e sagoma del pedone su sfondo bianco, in modo che nessuna possa dire non ho visto le strisce.
Poi un merito bisognerà pur attribuirlo a chi si è impegnato, Polizia Locale e Polizia Stradale,  in appositi corsi di educazione stradale nelle scuole e proprio anche ai controlli delle stesse forze di polizia. Vorremmo anche autoconvincerci che sia cresciuta la presa di coscienza della tutela degli utenti più deboli della strada.”
Speriamo che questo trend della Romagna prosegua, anzi si estenda ad altre province del territorio nazionale.
 
Forlì, 13 gennaio 2024
 
*Presidente ASAPS

 

>OSSERVATORIO ASAPS PEDONI 2023: 440 I DECESSI DELL’UTENTE PIU’ DEBOLE SULLA STRADA
ONLINE LA GEOLOCALIZZAZIONE DI TUTTI GLI INCIDENTI MORTALI
RISCHIO DI SUPERARE I DATI 2022 “URGENTE AVERE MAGGIORI CONTROLLI E UNA RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA


>La mappa con le vie e le città dei tragici investimenti

 

 

 


 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

Venerdì, 12 Gennaio 2024
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK