Lunedì 26 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su

Schianto a Milano, morti due ragazzi. Senza patente e positivo all'alcoltest chi lo ha provocato
da ansa.it

da ansa.it

È finita in tragedia la notte di Halloween a Milano dove all'alba sono morti due ragazzi di 26 e 24 anni in un incidente stradale che ha coinvolto in tutto dodici persone su tre diverse auto, tra cui una famiglia con una bambina di 8 anni che è rimasta miracolosamente illesa.

 

 

Lo schianto è avvenuto su viale Forlanini, la strada a tre corsie alla periferia est della città che porta all'aeroporto di Linate.

A causarlo con un primo tamponamento è stata una macchina, una Golf, guidata da un giovane di circa 30 anni che è risultato positivo all'alcoltest e senza patente, come hanno stabilito le indagini della Polizia locale. Il bilancio complessivo dell'incidente è di due ragazzi morti mentre sono quattro le persone trasportate in codice giallo negli ospedali cittadini, due di loro in particolare ricoverate al Niguarda e al Policlinico sarebbero in condizioni più gravi. A perdere la vita dopo una serata di divertimento in una discoteca della città sono stati due amici, Luigi Giallonardi di 26 anni e Bennardo Pagano di 24 anni entrambi residenti a Milano ma originari di altre regioni, che avevano passato la serata in discoteca per festeggiare Halloween.

I due erano amici, Luigi lavorava come pizzaiolo e Bennardo era un assicuratore di Generali nella sede di Milano-Famagosta. Il 26enne, che era alla guida di una Peugeot con a bordo in tutto sei ragazzi tra i 18 e i 26 anni, è morto sul colpo, mentre il 24enne è deceduto un'ora dopo il ricovero in ospedale in gravi condizioni. Le ultime immagini postate sui social sono di festa e ritraggono Bennardo, che si faceva chiamare Benny, in discoteca vestito in completo bianco con schizzi rossi di finto sangue, mentre balla in pista con un'amica vestita e truccata da zombie. Le macchine su cui si trovavano le dodici persone coinvolte nello scontro sono state distrutte in due violenti impatti dovuti alla forte velocità. L'incidente è avvenuto poco dopo le 5 del mattino, in viale Forlanini in direzione Linate.

Tutto è nato dalla Golf, guidata dal giovane poi risultato positivo all'alcol test e senza patente, che ha tamponato arrivando ad alta velocità una Opel sulla quale viaggiava una famiglia composta da madre e padre, entrambi di 48 anni, e la loro bambina di 8 anni. Nella Golf, insieme al conducente 30enne, c'era anche una donna e probabilmente una terza persona. La famiglia dopo il tamponamento è riuscita prontamente a scendere dalla macchina e si è messa in salvo su una corsia laterale della strada, una mossa che ha salvato loro la vita. Infatti poco dopo, sempre ad altissima velocità, è arrivata in viale Forlanini un'altra automobile, una Peugeot con a bordo i sei ragazzi reduci da una festa di Halloween in una discoteca della zona, che stavano rientrando a casa.

La Peugeot ha trovato sulla sua strada le altre due auto coinvolte nel precedente tamponamento e, vista l'alta velocità, non è riuscita a frenare andando a sbattere in modo violento contro la Opel, vuota, dove viaggiava la famiglia che fortunatamente si era già messa in salvo. Ma l'impatto a così gran velocità, che ha spostato la Opel di diversi metri, è stato fatale per i due giovani, il 26enne che è morto sul colpo e il 24enne, che probabilmente era seduto al lato del passeggero, portato in condizioni molto gravi all'ospedale San Raffaele di Milano dove è morto circa un'ora dopo per le ferite riportate. Il tratto di viale Forlanini dove si è verificato il doppio schianto è rimasto chiuso per diverse ore dopo l'incidente per permettere alla polizia locale di eseguire i rilievi del caso. Una nottata di festa e divertimento che è finita in tragedia: ancora una volta, a perdere la vita sono stati due ragazzi.


 

 

Ecco personaggi come questo, ubriachi e senza patente circolano impuniti sulle nostre strade e provocano continue tragedie. Seguono pene spesso inadeguate nonostante la legge sull’omicidio stradale troppo spesso svuotata di efficacia  con alchimie procedurali.
E ora non cominciate a dire che la legge non serve a niente. L’abbiamo portata a una pena base da 8 a 12 anni nei casi di ebbrezza e droga. Sono le scorciatoie giuridiche che vanno modificate! E se qualcuno è più bravo (pena ergastolo?) si faccia pure avanti. (ASAPS)

 

 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

 

Giovedì, 02 Novembre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK