Domenica 21 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Altri osservatori 31/10/2023

Auto investe tre operai al lavoro sul Grande raccordo anulare a Roma, un morto
da repubblica.it

Gli operai stavano effettuando alcuni lavori di manutenzione all’interno della galleria Selva Candida

da repubblica.it

Un operaio è morto in un grave incidente avvenuto sul Grande raccordo anulare, all'altezza della galleria ''Selva Candida''. Lo rende noto Anas spiegando che, a causa del sinistro, il traffico è rallentato lungo la carreggiata esterna all'altezza del chilometro 7.

 

Secondo i primi accertamenti, un’auto, guidata da una donna ha investito tre operai, dipendenti di una ditta incaricata da Anas, che si trovavano sulla corsia di emergenza per alcuni lavori di manutenzione all’interno della galleria. L’investimento è avvenuto proprio all’imbocco della galleria e uno degli operai è morto sul colpo. Gli altri due, rimasti feriti, sono stati portati all’ospedale Sant’Andrea. Anche la donna al volante è rimasta ferita ed è stata trasportata in pronto soccorso.

Sul posto sono presenti le squadre Anas e la polizia stradale per gli accertamenti della dinamica, la gestione della situazione e il ripristino della viabilità nel più breve tempo possibile. Anas esprime "il suo cordoglio e la vicinanza alla famiglia dell'operaio deceduto".


L'Italia è forse l'unico Paese nel quale la segnaletica dei cantieri stradali con relativi limiti di velocità vale zero. Condoglianze alla famiglia di questo povero operaio e auguri per gli altri feriti. (ASAPS)

 

 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

 

Martedì, 31 Ottobre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK