Lunedì 28 Novembre 2022
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio ASAPS sui contromano nel primo semestre 2022
Registrati 50 episodi (-13,8%) che hanno causato 12 vittime e 91 feriti (-14,1%)
Il 18% dei conducenti erano stranieri, stessa percentuale per gli anziani, il 12% in fuga dall’alt della polizia, il 6% ubriachi al volante

(ASAPS) Nel primo semestre del 2022 l'apposito Osservatorio sui contromano dell'ASAPS ha archiviato 50 episodi significativi. Ricordiamo che vengono registrati solo gli incidenti che causano morti o feriti, non quelli senza conseguenze nei quali le forze di polizia sono intervenute in tempo o c'è stato un ravvedimento del conducente.
39 sono avvenuti di giorno (78%) e 11 di notte (22%). Il report ha registrato 18 episodi sulle autostrade e superstrade (36%) e 32 sulle strade ordinarie (64%).
I contromano sono in calo rispetto al primo semestre del 2021, quando furono 58 (-13,8%), stabile il numero delle vittime mortali. Nel primo semestre 2022 sono state 12, come nel primo semestre 2021. I feriti sono stati complessivamente 91, con una diminuzione di 15 ingressi al pronto soccorso nei primi sei mesi rispetto ai 106 dello scorso anno (-14,1%).
Ma quali sono le caratteristiche identificabili dei conducenti che hanno posto in essere queste pericolosissime e a volte fatali manovre?
Se dovessimo fare una graduatoria degli elementi identificativi dei contromano, al primo posto troviamo gli anziani e gli stranieri con lo stesso numero di episodi, 9 per entrambi pari al 18% ognuno, seguono le cosiddette Operazioni di PG, intendendo con questa voce gli episodi di fuga dall'alt delle forze di polizia, certificate in 6 casi pari al 12%, vengono poi i conducenti in stato di ebbrezza coinvolti in 3 episodi pari al 6% del totale.
Fra i conducenti identificati mentre viaggiavano contromano 7 erano donne 14%.
Il maggior numero di episodi di contromano è stato registrato in Campania con 7 eventi, segue la Lombardia con 6, la Toscana e le Marche con 5, il Lazio e il Friuli Venezia Giulia con 4, la Calabria, la Puglia, la Sicilia e l’Emilia Romagna con 3, il Piemonte e l’Umbria 2, infine l’Abruzzo, la Sardegna e la Liguria con 1.

 

>SOSTIENI LE BATTAGLIE DELL’ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE



 


 

Lunedì, 24 Ottobre 2022
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK