Venerdì 18 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su

Incidenti sulla rete autostradale nel 2018
Aumenta il numero dei morti (43 vittime solo nel tragico crollo del Viadotto Morandi)
Incidenti totali +3,3%, incidenti con feriti +0,7%, feriti +0,6%, incidenti mortali +7,4%, decessi 302  +16,6% rispetto ai 259 morti del 2017

(ASAPS) L’andamento dell’incidentalità sull’intera rete autostradale nell’anno 2018 si caratterizza per il forte incremento del numero dei decessi rispetto al 2017 legato anche al tragico incidente sul viadotto Morandi a  Genova dove persero la vita 43 persone.

Crescono i sinistri del 3,3%, segno più anche per gli incidenti con feriti  in crescita  dello 0,7% e i feriti dello 0,6%, purtroppo crescono nettamente anche le vittime +16,6% .

Questo il quadro complessivo che emerge dai dati rilevabili dal sito della Polizia di Stato. Analizzando le cifre nel dettaglio si vede come gli incidenti complessivi, secondo i dati dei rilievi della sola  Specialità che opera in esclusiva sulla rete autostradale in convenzione, ammontano a 29.664  (compresi i sinistri con danni a cose) con un incremento del 3,3% rispetto ai 28.719 del 2017. Gli incidenti con feriti sono stati 8.172, con un aumento dello 0,7% rispetto agli 8.118 dell’anno prima. 

I feriti sono stati complessivamente 13.483, con un incremento dello 0,6%  rispetto alle 13.396 persone che sono dovute ricorrere al pronto soccorso nell’intero 2017.

Il dato della mortalità ha fatto segnare purtroppo un incremento a doppia cifra. Nel 2018  il numero delle vittime mortali ha toccato il numero di 302 decessi complessivi sulla rete autostradale, un risultato estremamente negativo con 43 morti in più e un incremento percentuale del 16,6% rispetto ai 259 lenzuoli bianchi stesi sulla rete nel 2017. Si deve qui tenere conto del tragico crollo del viadotto Morandi avvenuto il 14 agosto 2018, nel quale persero la vita 43 persone. Fra loro anche tre bambini.

Il numero degli incidenti mortali è stato complessivamente di 233 eventi fatali, 16 in più  rispetto ai 217 del 2017, con un incremento del 7,4%.

La differenza nei numeri finali dello stesso anno può essere dovuta al fatto che i dati della Polizia Stradale sono provenienti dai mattinali dei vari reparti e non tengono conto dei decessi successivi all’evento, anche a distanza di giorni e dei feriti che producono un referto in tempi successivi. Elementi questi che vengono invece raccolti nell’attività degli uffici infortunistica e segnalati successivamente all’Istat. Inoltre in alcuni tratti autostradali della Sicilia la Stradale non opera in convenzione e in esclusiva e i rilievi vengono effettuati anche dai Carabinieri e dalle altre forze di polizia. L'Istat poi raccoglie alla voce incidenti in Autostrada i dati anche dei raccordi nei quali, in qualche caso, non opera la sola Polizia Stradale. (ASAPS)

Mercoledì, 22 Luglio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK