Martedì 07 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio ASAPS sulle Morti Verdi 2019
307 gli incidenti registrati –20% rispetto ai 385 del  2018
146 i morti, in calo dell’8% rispetto al 2018 quando furono 159 e  217 feriti –6%
Dal 2010 al 2019 l’Osservatorio ASAPS ha registrato 3.776 incidenti gravi che hanno causato 1.722 morti e 2.509 feriti. Non servono commenti

Anche per il 2019 la mortalità nei campi per incidenti con trattori agricoli ha fatto segnare dati veramente drammatici. Ormai, e lo ripetiamo, si deve parlare di massacro! Termine duro, ma corrisponde alla portata dei dati dell’Osservatorio ASAPS  sulle Morti Verdi,  gli incidenti che avvengono nei campi o nelle strade adiacenti col coinvolgimento dei trattori agricoli.
Nel 2019 l’agenzia forlivese della sicurezza ha contato 307 incidenti, in netto calo rispetto al 2018 quando furono esattamente 385 (403 del 2017), con 146 morti in diminuzione dell’8% rispetto alle 159 vittime dell’anno prima (178 i morti del 2017, furono 166 nel 2016) e 217 feriti, 14 in meno rispetto ai 231 del 2018. Ancora dati molto preoccupanti sebbene in netto miglioramento se rapportati al triennio precedente.

C’è da dire che l’Osservatorio conteggia anche gli incidenti con trattori agricoli che avvengono sulle strade (Interpoderali, comunali e provinciali in particolare) che nel 2019 sono stati 112 (36,5%), mentre quelli avvenuti nei territori dei elezione dei mezzi agricoli, cioè i campi, i boschi frutteti sono stati 195 (63,5%). Nel complesso nel 2019, abbiamo visto, sono state contate 146  vittime e 217 feriti. In 108 incidenti il conducente del mezzo agricolo era un anziano sopra i 65 anni (35,2%,  erano il 39% nel 2018).
Fra i 146 morti si contano 121 vittime fra i conducenti dei trattori (82%). Sono stati invece 25 i terzi coinvolti a terra o conducenti o occupanti di altri veicoli. Fra i 217 feriti i conducenti di trattori sono 132 (60,8%), 2 i trasportati e 83 i terzi coinvolti.  
Sono state 20 le donne coinvolte, mentre nel 2018 furono 18, 19 nel 2017, in leggero aumento rispetto alle 16 del 2016, ma erano state 25 nel 2015, stesso numero nel 2014  mentre erano state 34 nel 2013, 18 nel 2012, 23 nel 2011 e 13 nel 2010. 
Solo 5 gli stranieri coinvolti negli incidenti dei campi che nel 2018 sono stati 14, mentre erano 19 nel 2017, 18 nel 2016 e 17 nel 2015,  24 nel 2014, 12 nel 2013, 11 nel 2012, 13 del 2011.
Purtroppo nei 307 incidenti del 2019 si contano anche 3 bambini morti e 6 rimasti feriti. Io stesso  identico numero rispetto al 2018 quando i feriti furono invece 4.  Nel 2017 12 i bambini feriti negli incidenti ed 1 deceduto, mentre nel 2016 7 piccoli persero la vita e altri 7 erano rimasti feriti, 5 le vittime nel 2015 ed 8 i piccoli feriti. Nessuna piccola vittima nel 2014, mentre se ne erano contati 4 nel 2013.

Al primo posto come numero di eventi balza l’Emilia Romagna con 33 incidenti, seguono il Piemonte con 30, il Trentino Alto Adige e la Campania con 29, quindi la Lombardia con 28, il Veneto con 24, il Lazio con 23, l’Abruzzo con 14, la Puglia con  12, la Sardegna con 11, e poi tutte altre.
Intanto nel primo trimestre del 2020 annoveriamo ben 83 episodi relativi ad incidenti con mezzi agricoli, in cui hanno perso la vita 34 persone.
Impressiona il fatto che nel mese di marzo 2020 e aprile 2020 sono morte più persone per incidenti con trattori agricoli che pedoni sulle strade di tutto il Paese. A marzo 12 pedoni morti e 13 vittime in incidenti con trattori agricoli, ad aprile 5 pedoni morti sulle strade e 10 per incidenti con trattori agricoli. Ovviamente questi dati sono la conseguenza del lockdown da covid-19 nel terzo e quarto mese dell’anno.
Dal 2010 al 2019 l’Osservatorio ASAPS sulle “Morti verdi” ha registrato 3.776 incidenti gravi che hanno causato 1.722 morti e 2.509 feriti. Cifre che non hanno bisogno di ulteriori spiegazioni per quanto sono drammatiche.
L’incremento degli incidenti registrati dall’Osservatorio il Centauro – ASAPS ci induce  a ripeterci. Vanno ricercati i motivi di questo assurdo tragico risultato che pesa enormemente sulla nostra agricoltura e vanno accelerate le previste misure di protezione per abbassare  ancora questo trend, con strumenti di sicurezza attivabili e utilizzati sui mezzi stessi, oltre ad una sempre più necessaria formazione dei conducenti.
 

 


Il report ASAPS sugli incidenti mortali con trattori agricoli nel 2019. Intanto nel 2020 nei due mesi di marzo e aprile in piena lockdown sono morte più persone su un trattore che pedoni sulle strade italiane (23 vittime sui trattori e 17 fra i pedoni).

Mercoledì, 10 Giugno 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK