Lunedì 27 Maggio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Editoriali 23/10/2018

Rimini, controlli alcol test. I vigili tendono la trappola al popolo dell’aperitivo
LE TRAPPOLE LE TENDE L’ALCOL, NON LA POLIZIA!!

Bisogna spiegare al titolista e al giornalista che la Polizia Municipale nel contrasto all’alcol non tende “trappole” fa solo e bene il suo lavoro!!
Dice il giornalista: “Una vera e propria ‘trappola’, quella organizzata l’altra sera dagli agenti della Polizia municipale, per combattere l’abuso di alcol. Ma c’è una novità, questa volta i controlli non erano destinati ai nottambuli che escono da discoteche, pub e ristoranti, ma alla ‘Rimini da bere’, il popolo degli aperitivi che già alle 19,30 comincia a riempire i baretti del centro storico e brinda alla cena ancora da consumare. Girano calici di vino rosso, birre, spritz, prosecchini e shortini e chi più ne ha più ne metta. Il ‘rito’ può andare avanti anche fino alle nove di sera, quando tutti si infilano nelle macchine o salgono in sella agli scooter, per prendere la strada del ristorante.”
E allora? Perché il codice fa distinzione fra gli ebbri alla guida “nottambuli” che escono dalle discoteche  o pub e la “Rimini da bere” il popolo degli aperitivi? Perché se mi investe e mi ammazza un ebbro della “Rimini da bere” è meno grave che se lo fa un ragazzo che esce da una discoteca? No non ci siamo proprio, qui si sta tornando a scherzare col fuoco anzi con l’alcol e con la messa sotto accusa degli etilometri e dei controlli.
Noi che in quanto a contrasto alle stragi del sabato sera abbiamo fatto sul serio fin dagli anni  ‘90 con risultati ottimi, facendo tornare a casa in salute tanti ragazzi, per questo non ci stiamo!!
Le trappole le tende (mortali)  l’alcol non la Polizia!!


Giordano Biserni
Presidente ASAPS

 

>Rimini, controlli alcol test. I vigili tendono la trappola al popolo dell’aperitivo
Posto di blocco con l’etilometro: automobilisti in fila sui bastioni

 

 

Martedì, 23 Ottobre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK