Mercoledì 21 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su

di Riccardo Matesic*
Il motociclista deve saper riconoscere
le situazioni di rischio

Leggendo le statistiche e guardando i filmati su Internet, si scopre che i mezzi a due ruote sono soggetti a una ben precisa tipologia di incidentalità. Gli esperti fiutano le situazioni di rischio in anticipo, e le evitano. Perché guidare in sicurezza si può, anche su due ruote Il problema è istruire la maggioranza di utenti, quei non specializzati che neanche si pongono questa problematica

Gli ultimi dati sugli incidenti stradali in Italia - purtroppo siamo ancora a quelli relativi al 2015 - dipingono un forte aumento percentuale della mortalità fra i motociclisti. Addirittura il 9,8% in più! Si tratta di un valore sin troppo elevato, sul quale è giusto riflettere.
A monte si potrebbero fare una serie di considerazioni sull'eventuale aumento nell'uso del mezzo a due ruote. Ma non disponiamo di dati sui chilometraggi medi per tipologia di veicoli. E comunque, resterebbe un bilancio negativo per moto e scooter, a fronte dell'incidentalità e della mortalità delle auto, nettamente inferiore...

>LEGGI L'ARTICOLO

da il Centauro n. 204

 

Martedì, 08 Agosto 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK