Lunedì 27 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Morti Verdi , Notizie brevi 07/06/2017

Incidenti: un morto ogni due giorni per incidenti sui trattori

Roma (AdnKronos Salute) - Quasi un morto ogni due giorni per incidenti che coinvolgono trattori agricoli. Un fenomeno, rileva l''Osservatorio Asaps sulle Morti Verdi', che "mantiene connotati assordanti e drammatici". Nel 2016 l’Osservatorio ha contato 400 incidenti (-7,8% rispetto ai 434 del 2015) con 166 morti (-13,5% rispetto ai 192 morti del 2015) e 278 feriti (appena 3 in meno e 1% rispetto ai 281 dell’anno prima). "Ancora dati molto preoccupanti seppur in leggero miglioramento rispetto al 2015", rilevano dall'Asaps. Rilevanti anche i dati relativi a quest'anno: sono 50 i morti e 71 i feriti registrati in 112 incidenti nei primi 4 mesi del 2017.

Per quanto riguarda la casistica relativa al 2016, in 156 incidenti il conducente del mezzo agricolo era un anziano sopra i 65 anni (39%). Fra i 166 morti si contano 138 vittime fra i conducenti dei trattori (83%), mentre 4 erano persone che non guidavano ma si trovavano a bordo del mezzo. Sono state invece 24 le persone coinvolte a terra, conducenti o passeggeri di altri veicoli. "Ancora tragico e assurdo" il dato dei bambini coinvolti in incidenti con trattori agricoli: in 7 hanno perso la vita e altri 7 sono rimasti feriti.

Al primo posto come numero di incidenti la Toscana con 45 casi e 19 morti, seguono l’Emilia Romagna con 42 incidenti e 17 morti e il Veneto con 39 incidenti e 11 morti. Dal 2010 al 2016 l’Osservatorio Asaps ha registrato 2.681 incidenti che hanno coinvolto trattori agricoli, nei quali sono morte 1.239 persone e altre 1.779 sono rimaste ferite.

da red.presstoday.com

 

La Voce di Rovigo
>La nostra regione sul triste podio dele "morti verdi"
ben undici decessi per incidenti con trattori agrigoli

 


Cominciano a circolare i preoccupanti dati del nostro Osservatorio Morti verdi. (ASAPS)

Mercoledì, 07 Giugno 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK