Martedì 11 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Un mare disperato

di Davide Stroscio*

Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti?
Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me.
Vangelo, Mt 25, 35-41


Lo scorso ottobre è stato trasmesso in tv, su Raitre, “Fuocoammare” il documentario che il regista Gianfranco Rosi ha dedicato all’isola di Lampedusa e agli immigrati che continuamente vi approdano, spesso avventurosamente messi in salvo dai soccorritori italiani. Il documentario, già premiato come miglior film all’ultimo Festival di Berlino, nonché scelto per rappresentare l’Italia all’Oscar per il miglior film straniero 2017, si arma i ottimi intenti, in particolare per la scelta di lasciar parlare da sole le immagini, con uno sguardo che sa di testimonianza, eppure sembra non riuscire a centrare del tutto il bersaglio...

>LEGGI L'ARTICOLO

da il Centauro n. 198

 

Martedì, 27 Dicembre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK