Mercoledì 26 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su

IL RISCHIO PIU’ ELEVATO PER LE FORZE DI POLIZIA RIMANE LA STRADA
SECONDO L'OSSERVATORIO ASAPS SONO 8 LE VITTIME DI INCIDENTI STRADALI NEL 2015 DI CUI 3 DURANTE IL SERVIZIO E 5 PER INCIDENTI IN ITINERE.
ERANO STATE 13 NEL 2014

 

Anche per il 2015 l’incidente stradale è il fattore di maggior rischio per le forze di polizia, secondo l’Osservaotrio il Centauro-ASAPS sono state infatti 8 le vittime di sinistri stradali di cui 3 in servizio e 5 per incidenti stradali in itinere.

I 3 caduti in servizio sono una agente della Polizia Locale travolta durante un servizio di viabilità, un agente della Polizia di Stato e un agente della Polizia Penitenziaria deceduti durante il servizio per scontri in auto. Sono poi 5 gli appartenenti alle forze di polizia morti per incidenti in itinere, mentre si recavano in servizio o rientravano presso la propria abitazione. Si tratta di 4 carabinieri e un agente della Polizia Peniteziaria. In questo caso 4 vittime erano alla guida e una era a piedi.
Analizzando il dato complessivo delle 8 vittime mortali 3 erano alla guida di autovetture, 3 alla guida di moto e 2 erano a piedi.

Va qui ricordato che nel 2014 il dato complessivo fu nettamente peggiore con 13 vittime in incidenti stradali di cui 3 in servizio e 10 in itinere ed esattamente 3 vittime appartenevano all’Arma dei carabinieri di cui una in servizio,  3 alla Polizia Locale di cui una in servizio, 2 appartenenti alla Polizia di Stato, 2 appartenenti alla Polizia Penitenziaria, 1 appartenente alla Guardia di Finanza a cui abbiamo aggiunto 2 Vigili  del Fuoco, di cui uno è morto in un incidente in servizio.
L’auspicio dell’ASAPS è che i dati di questo Osservatorio si azzerino.

 

>OSSERVATORIO “CADUTI STRADALI FFPP” REPORT 2015

 

 

 

 


Dopo il tragico incidente che ha strappato alla vita l’agente della Polizia Locale Sara Gambaro di Novara, riproponiamo i dati  e una riflessione sui rischi più significativi per le forze di polizia: gli incidenti stradali! (ASAPS)
 

Giovedì, 25 Febbraio 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK