Lunedì 30 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Benevento, padre e figlio accoltellati per una precedenza stradale

Accoltellati per una precedenza stradale. Padre e figlio di Paduli, provincia di Benevento, sono finiti in ospedale dopo una lite stradale degenerata con quattro ragazzi.
È successo intorno alla mezzanotte a San Giorgio del Sannio, in provincia di Benevento: le vittime, rispettivamente di 43 e 19 anni, viaggiavano a bordo della loro Fiat 500 quando, nei pressi di un semaforo, hanno incrociato una Fiat Punto con a bordo quattro giovani che stava sopraggiungendo e, verosimilmente, per motivi di viabilità, hanno iniziato una lite verbale, poi degenerata.

Le due vittime a cause delle ferite riportate sono state soccorse e trasportate in ambulanza all'ospedale Fatebenefratelli di Benevento dove i sanitari hanno diagnosticato lesioni da taglio alla coscia destra per il padre ed alla coscia sinistra per il figlio, con prognosi per entrambi di giorni 10. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri volte all'identificazione ed alla ricerca degli autori ma anche a ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto.

Sul posto i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Benevento hanno effettuato i rilievi tecnici. Sono in corso le indagini dei militari della compagnia di Benevento per identificare gli autori del fatto e per ricostruire l'esatta dinamica di quanto avvenuto. Nel sopralluogo i carabinieri hanno recuperato un coltello di medie dimensioni, con ogni probabilità quello usato per ferire le due vittime dell'aggressione, che è stato sequestrato.

 

da ilmessaggero.it

 

>Report aggressioni su strada fra automobilisti nel 2014
L’Osservatorio il Centauro – ASAPS ha registrato  174 episodi gravi che hanno causato 6 morti e 208 feriti di cui 53 molto gravi
In 76  casi (44% ) usate armi proprie o improprie


La violenza stradale, un fenomeno sempre più frequente.
Nel 2014 l’Osservatorio il Centauro – ASAPS ha registrato  174 episodi gravi che hanno causato 6 morti e 208 feriti di cui 53 molto gravi
In 76  casi (44% ) usate armi proprie o improprie

Lunedì, 27 Aprile 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK