Lunedì 18 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Il fenomeno delle stragi del sabato sera
Intervista de il Centauro al Capo della Polizia Prefetto Alessandro Pansa

La Polizia Stradale un fiore all’occhiello della Polizia di Stato. Va resa più efficace l’azione di contrasto alla guida sotto l’effetto di stupefacenti. Sì all’omicidio stradale

Il codice della strada ha subito molte modifiche dal 1992. Praticamente il complesso normativo è stato modificato ed adeguato un centinaio di volte. Siamo alla vigilia di un'ennesima importante rivisitazione: quali sono le indicazioni che il Dipartimento della PS ritiene prioritarie?
Per realizzare l’obiettivo della massima sicurezza sulle strade, occorre ripensare l’assetto normativo generale della materia. Il Governo considera prioritario l’aggiornamento del Codice della Strada del 1992 ed è in corso di approvazione una legge delega di riforma che consentirà l’elaborazione di un Codice rivolto prevalentemente al comportamento dei conducenti e improntato alla salvaguardia della sicurezza delle persone e, soprattutto, degli utenti deboli. Sarà realizzata una normativa molto agile, composta di poche norme essenziali e di interesse generale per l’utenza, mentre le norme procedurali e quelle riguardanti la gestione amministrativa dei veicoli, delle patenti e delle attività economiche correlate saranno semplificate e, dove possibile, potrebbero essere oggetto di appositi interventi di delegificazione. Nell’ambito della revisione delle norme vigenti si dovrà agire in modo più incisivo e diretto sui comportamenti che contribuiscono di più a creare situazioni di pericolo sulla strada, fornendo agli organi di polizia stradale più efficaci e coordinati strumenti di intervento...

 

>LEGGI L'INTERVISTA

 

da il Centauro n. 181


Il prefetto Pansa favorevole all’introduzione dell’Omicidio stradale. Va attivato un più forte contrasto alla guida sotto l’effetto di stupefacenti. (ASAPS)

Giovedì, 05 Febbraio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK