Lunedì 30 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio ASAPS sulle persone travolte sulle Autostrade e superstrade nel 2014
51 episodi con 33 morti e 53 feriti: 26 incidenti hanno coinvolto persone che avevano il veicolo fermo per precedente avaria, foratura o mancanza di carburante, in 13 casi i pedoni camminavano o attraversavano la strada, 12 incidenti a persone “superstiti” di altro incidente

Foto Blaco - archivio Asaps

(ASAPS) Fra i numerosi Osservatori attivati dall’ASAPS ce n’è anche uno che si occupa di quegli incidenti abbastanza anomali che riguardano le persone travolte in autostrada e sulle superstrade.  Perché questo osservatorio? Perché ci siamo accorti che gli incidenti, anche gravi e mortali,  che vedono coinvolte persone appiedate sulle grandi arterie di comunicazione  non sono poche.

Parliamo di quei casi in cui le persone camminano sulla tratta stradale per un guasto meccanico alla vettura, per una foratura  o perché rimaste senza carburante. O ancora i casi di persone “superstiti” di altro precedente sinistro  o addirittura veri e propri pedoni che percorrono inopportunamente e pericolosamente l’autostrada o una grande arteria. E’ il caso di numerosi stranieri spesso irregolari che si spostano con mezzi di fortuna.

Nel 2014 l’Osservatorio ha registrato 51 episodi dei quali 26 sono avvenuti sulla rete autostradale e 25 sulle extraurbane principali. Gli incidenti sono avvenuti 37 volte di giorno e 14 di notte. Gli eventi mortali sono stati 30 con 33 vittime (tre gli incidenti plurimortali) e 21 quelli con feriti  con 53 feriti in tutto.

Sono stati  26 gli eventi che hanno visto coinvolte persone (conducenti o trasportati) che viaggiavano su un veicolo che era rimasto in avaria per un precedente guasto meccanico del mezzo, foratura di una ruota o più banalmente erano rimasti senza carburante nel serbatoio del veicolo.  Sono stati invece 12 i casi di incidenti che hanno visto persone travolte mentre erano a terra, magari in stato di choc ma incolumi, in seguito ad altro precedente incidente. Infine sono 13 gli episodi che hanno visto coinvolti dei pedoni che camminavano lungo l’autostrada o la stavano pericolosamente attraversando.

Sono 8 gli episodi di questo genere registrati nella rete stradale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, 6 quelli avvenuti nel Lazio, 5 in Sicilia, 4 in Abruzzo, Toscana e Veneto.

L’appello dell’ASAPS è quello di ricordare che è sempre assolutamente pericoloso (oltre che vietato) percorrere le autostrade e superstrade a piedi o attraversarle, ricordiamo anche che in caso di precedente incidente è sempre necessario mettersi e mettere i trasportati in posizione di sicurezza e fuori dalla sede stradale. Le cifre di questo particolare segmento della sinistrosità evidenziano che è necessaria una puntuale e precisa informazione.

Forlì, lì 10 aprile 2015


Giordano Biserni
Presidente ASAPS

 

OSSERVATORIO “TRAVOLTI” IL CENTAURO/ASAPS  - REPORT 2014
Copyright © ASAPS 2001-2014 tutti i diritti riservati

 


Tutti i dati dei tanti, troppi travolti sulle autostrade e superstrade mentre il veicolo era fermo  per avaria, precedente incidente o camminavano a piedi. (ASAPS)

 

Venerdì, 10 Aprile 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK