Lunedì 14 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Guidare è morire?
Moto e motociclisti non sono killer della strada
Cadono e muoiono spesso per mano di inesperienza propria, distrazione degli altri e incuria delle strade

di Lorenzo Borselli*
Foto Blaco© - Archivio Asaps

(ASAPS) – Nel 2012 il parco circolante di motocicli in Italia è stato calcolato nel rapporto Aci-Censis in 6.481.770 pezzi, su un totale di 49.013.180 veicoli: il 13,2%. Secondo i dati Istat, però, i motocicli coinvolti in sinistri stradali sono il 13,6% del totale, con 787 morti (di cui solo 20 donne) che rappresentano il 26,6% dei decessi e 42.200 feriti (di cui 5.051 donne); se al computo aggiungiamo i ciclomotori, che hanno registrato 117 vittime – il 3,9% dei decessi – e 15.800 feriti, il bollettino ci racconta una realtà ben peggiore.

 


>LEGGI L'ARTICOLO

 

da il Centauro n. 178

 

 


 

 

Tre interessanti articoli sul nuovo modo di essere motociclisti. (ASAPS)

 

 

 

 


 

 

 

Martedì, 21 Ottobre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK