Giovedì 21 Novembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Altri osservatori 30/09/2014

SONO GLI INCIDENTI STRADALI LA PRIMA CAUSA DI MORTE FRA LE FORZE DI POLIZIA. NON DIMENTICHIAMOLO! ECCO TUTTI I DATI del 2014  E DEL 2013

Sono già 11 morti nel 2014. di cui 3 in servizio e 8 in itinere. Nel 2013 sono stati 13 i morti di cui 4 in servizio e 9 in itinere

Nel 2014 secondo l’Osservatorio il Centauro – ASAPS sono già 11 le vittime per incidenti stradali. Tre le vittime per incidenti in servizio: un Carabiniere, un agente della Polizia Locale, un Vigile del Fuoco. Otto le vittime per incidente in itinere: due appartenenti alla Polizia di Stato, due Carabinieri, un agente della Polizia Locale, uno della Guardia di Finanza, uno della Polizia Penitenziaria e un Vigile del Fuoco.

Secondo i dati dell'Osservatorio il Centauro-Asaps, lo scorso anno ci sono state ''13 vittime, di cui 4 in servizio su strada e 9 in itinere, dalla residenza al lavoro e viceversa. Il nostro appello  è volto a promuovere un utilizzo scrupoloso delle cinture di sicurezza anche sulle auto di servizio delle forze dell'ordine.

In particolare, lo scorso anno ''dei 4 incidenti in servizio due vittime sono state travolte su strada: l’agente Massimo Impieri 34 anni, travolto a Crotone il 15 luglio 2013 e il Carabiniere Ciro Vitale 29 anni travolto il 12 ottobre a Vinzaglio (No). Sono poi deceduti in luglio il maresciallo della Polizia Municipale Emanuele Venneri, di 62 anni, in un incidente in auto a Taranto e l’assistente capo Luca Tanzi morto in un incidente stradale a causa del crollo di un ponte durante il nubifragio di novembre in Sardegna.

Nei 9 incidenti in itinere hanno perso la vita 2 agenti della Polizia di Stato, 4 Carabinieri, 2 agenti della Polizia Locale, un agente della Guardia di Finanza. (ASAPS)

 

 

 


 

Incidenti alle forze di polizia. Due anni a confronto con i dati.  (ASAPS)

 

 

 

 

 

 

Martedì, 30 Settembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK