Giovedì 26 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Posta , Notizie brevi ,... 28/08/2014

LA VACANZA DI COPPIA CHE NON TI ASPETTI
DITE SE NON E' MERAVIGLIOSA QUELLA CAGNETTA CON OCCHIALI ROSA E CASCO.
SIAMO SULLA A14 NEI PRESSI DI RIMINI IN UN POMERIGGIO DI FINE AGOSTO 2014

L'ASAPS ringrazia Erica Bordignon, autrice della foto

(ASAPS) Sì lo sappiamo, magari questo trasporto animali non è proprio regolarissimo, ma i cani preferiamo vederli così, che legati ad un guard rail...
Per il ritorno però la Stradale sembra che stia aspettando il motociclista (forse tedesco) per spiegargli che in Italia le regole per il trasporto animali vivi non contemplano questa modalità...
Ciao cagnetta e ricorda alla Merkel che il nostro paese a volte è tollerante. (ASAPS)
 
 

E ORA CHI HA VOGLIA SI LEGGA IL RACCONTO
 
Sono un agente di Polizia Stradale in servizio sulla strada da circa vent'anni (sigh!). Tutti i giorni pattuglio l'autostrada stando attento ai comportamenti scorretti degli utenti in transito e contestando loro infrazioni anche molto pesanti. Cerco sempre di essere ligio al dovere e rispettoso delle norme. Ma voglio essere chiaro fin da subito: IO AMO QUESTA FOTO!
Passiamo ai fatti... Una collega, libera dal servizio e diretta in riviera per trascorrere qualche giorno di vacanza, lungo l'autostrada A/14 sud, all'altezza di Rimini, supera con l'auto condotta da un suo amico, un motociclista che procedeva beato e tranquillo sulla corsia di marcia.
Bèh, fin qui niente di strano, se non fosse che, dopo un centinaio di metri, la collega ripensa a che TIPO di motociclista esattamente avessero superato.
Flashback immediato e... ... ... ... ...orecchie pelose al vento, zampette regolarmente posizionate sul manubrio, coda infilata comodamente dentro la sua sacca e caschetto perfettamente allacciato sotto i canini.
Ehi, un attimo! Ma quello era un cane!
No impossibile, questa la devo rivedere. La collega fa rallentare la marcia, guarda nello specchio retrovisore e vede la moto rosso fiammante avvicinarsi ed abbaiare (ehm..), abbagliare per chiedere strada.
Ebbene sì. Una cagnetta tutta bianca, con i suoi occhialini rosa da motociclista e caschetto allacciato, in viaggio con il suo padrone in direzione della riviera romagnola comodamente seduta sul serbatoio, dentro la sua sacca e riparata dal cupolino.

 

Certo, molti avrebbero da ridire sulla modalità di questo tipo di trasporto. Dico la verità, non saprei nemmeno cosa possano pensare le associazioni animaliste o i difensori stremi della sicurezza stradale, ma stavolta mi sono basato solamente sull'istinto e su quel "linguaggio del corpo" che molte volte tradisce più di mille parole. E allora guardate la foto: giornata di sole, cielo azzurro, motocicletta ad andatura di passeggiata, motociclista in relax che si gode la Valle del Marecchia proprio di fianco a lui e poi c'è lei. Impaurita? Arrabbiata? Vuole scendere? Crea disturbo al conducente? Non mi sembra proprio anzi, tutt'altro!

 

E allora ben vengano le vacanze con i propri animali  domestici anche in queste condizioni. Certo, magari la prossima volta una vettura sarebbe più indicato però chissà questo signore (e la sua compagna di avventure) che storia ha alle spalle; forse è senz'auto, forse è dovuto partire di fretta.
Nessuno lo saprà mai, perché di lui si sono perse le tracce probabilmente uscito ad uno dei caselli di Rimini o Riccione in direzione dello stabilimento balneare ove sono già prenotati due lettini e un ombrellone.
Poi io ci ho anche provato a sfogliare il nuovo prontuario di Luca Dal Monte sul "Trasporto degli animali vivi" distribuito dall'A.S.A.P.S. Non so se l'avete presente: 450 (!!) pagine fitte di informazioni e illustrazioni su ogni immaginabile modalità di trasporto di animali. Devo fargli i miei complimenti per aver sviluppato un testo unico in Italia per la sua specificità ma, caro Luca, questo caso non l'ho trovato!

 

Lo vedete quel guard rail sullo sfondo? Ebbene tornando indietro con la memoria, ricordo più di una volta di aver slegato guinzagli annodati intorno con cani impauriti e maltrattati, ma lei no! Lei, dall'alto della sua visuale, se non fosse per il suo caschetto nero, si potrebbe confondere con la morbidezza di quelle  nuvole sullo sfondo che la accompagnano in vacanza con il suo padrone.
Allora meglio una vacanza in sella (o serbatoio) ad una moto, piuttosto che abbandonata ad un guardrail.
W il benessere degli animali!

 

Sov. Roy Pietrucci in collaborazione
con l'Ass.C. Erica Bordignon, autrice della foto e del simpatico incontro

 


 

Ogni tanto ci piace anche qualche notizia divertente e tenera... Non ce ne vogliate. (ASAPS)

 

 

 

 

 

Giovedì, 28 Agosto 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK