Giovedì 22 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Intervista a Vittorio Rizzi
direttore del Servizio Polizia Stradale
Uno dei migliori investigatori di sempre, al vertice della Specialità

di Giordano Biserni*

Non è un fatto nuovo che alla testa della Polizia Stradale venga assegnato un dirigente formatosi nelle Questure. Vittorio Rizzi, però, è un segugio di razza, che ha diretto le Squadre Mobili più importanti d’Italia e che ha seguito alcuni dei casi più scottanti degli anni ’90 e del primo decennio del terzo millennio.

 

Ha dato la caccia agli assassini di Marco Biagi, ha creato l’unità romana che si occupa dei delitti insoluti, risolvendone alcuni che sembravano ormai aver consegnato all’impunità gli assassini e portando lo standard di successi a 9 casi su 10.

 

Così, con questo straordinario biglietto da visita, il dottor Rizzi si cuce lo scudetto della Polizia Stradale sulla propria divisa e noi speriamo che sia il primo segno di un rinnovato vigore, perché in un momento così difficile per tutti, sapere che alla barra del timone c’è il superpoliziotto Rizzi vuol dire che l’estinzione non è ancora in programma.

Un segno, dunque, che l’Asaps vuole condividere con tutti i suoi soci e con i lettori della nostra rivista. Buon lavoro.

 

> Leggi l'intervista

 

da il Centauro n. 165

Venerdì, 26 Aprile 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK