Giovedì 24 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Soffre di apnee notturne, revisionata la patente di guida
Il T.A.R. atto legittimo: basta qualsiasi episodio che getti ombre sui requisiti psico-fisici

di Ugo Terracciano*

Se sei alla guida e senti che il sonno prende il sopravvento, non rischiare: fermati e riposa. Questa regola di prudenza, che si legge anche sui pannelli luminosi delle autostrade tra un tutor e l’altro, non si è rivelata un consiglio indovinato per un automobilista che, sorpreso mentre dormiva accasciato sul volante dalla polizia stradale sull’A.1. all’altezza di Roma, è stato sottoposto a revisione della patente di guida.
Detta così sembra una clamorosa ingiustizia, ma manca un dettaglio per nulla trascurabile: l’automobilista in questione era stato trovato dagli agenti col veicolo fermo lungo la corsia di marcia. Inutile descrivere la situazione di pericolo creatasi, però agli agenti che stentavano a credere ai propri occhi l’utente aveva spiegato di soffrire di apnee notturne, causa dello stato di catalessi nel quale era irrefrenabilmente sprofondato.

 

> Leggi l'articolo

 

da il Centauro n. 164

 


 

Martedì, 02 Aprile 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK