Venerdì 01 Marzo 2024
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa alcol e guida del 11 aprile 2005

RASSEGNA STAMPA "ALCOL E GUIDA"

Note a cura di Alessandro Sbarbada
Servitore-insegnante in un Club degli Alcolisti in trattamento a Mantova.


SALUTE EUROPA.IT

Ministero della Salute: precisazione su Campagna informazione ed educazione al consumo di alcol nei giovani

In merito alla prossima campagna di informazione ed educazione al consumo di alcol nei giovani promossa dal Ministero della Salute, il Ministero stesso precisa che:

l’opuscolo ’’Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi!’’ è stato redatto dall’Istituto Superiore di Sanità, massimo organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale e Centro di collaborazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la ricerca e la promozione della salute su alcol e problemi alcol-correlati. Le informazioni ivi contenute sono basate sulle evidenze prodotte dal mondo della ricerca scientifica, dalle Società scientifiche, seguendo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della Commissione Europea e coincidono, peraltro, con quanto pubblicato nelle linee guida per una sana alimentazione italiana dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Inran) - Ministero delle Politiche Agricole e Forestali scaricabili dal sito www.Inran.it; tale opuscolo, che comunque non rientra nella normale programmazione della prossima campagna di informazione e prevenzione del consumo di alcol nei giovani del Ministero della Salute, essendo già stato distribuito nell’aprile 2004 dallo stesso Istituto Superiore di Sanità, è stato pubblicato un anno fa dal sito del Governo, di propria iniziativa, in occasione della celebrazione dell’"Alcohol prevention day" e sullo stesso sito è rimasto, in formato scaricabile, fino a ieri; in ogni caso, le iniziative di informazione ed educazione sulle conseguenze derivanti dal consumo e dall’abuso di bevande alcoliche e superalcoliche sono previste dagli art. 2-3 della legge n.125 del 30 marzo 2001, legge quadro in materia di alcol e di problemi alcol-correlati che, tra l’altro, dispone che il Ministro della Salute trasmetta una relazione annuale al Parlamento; l’alcol è dannoso alla salute a seconda delle dosi, per cui va usato con moderazione, ma l’uso deve essere sempre, comunque, evitato nei giovani al di sotto dei 16 anni, tanto che la legge prevede espressamente il divieto di somministrazione di bevande alcoliche nei locali pubblici ai minori di anni 16. Questo è il messaggio, da tutti condiviso, compreso l’Inran, che sarà contenuto nella campagna di informazione del Ministero della Salute che partirà il 21 aprile prossimo e che, da un anno, compare nell’opuscolo realizzato e diffuso dall’Istituto Superiore di Sanità.

IL GAZZETTINO (Treviso)

I deputati hanno già approvato l’emendamento

Si attende la decisione della seconda Camera

Incontro domattina di Andrea Dan (per l’Associazione Manuela, contro gli incidenti sulla strada) con il senatore Archiutti; richiesta in settimana di incontrare il senatore Pera presidente del Senato della Repubblica, in attesa che la proposta di emendamento delle attuali norme che sanzionano le lesioni colpose gravi, gravissime e l’omicidio colposo venga approvata dalla seconda Camera. La prima, i Deputati, lo ha già fatto, con un’incredibile unanimità di vedute, alla seconda dovrebbe essere imminente.

La sanzione attuale in caso di omicidi sulla strada fa sÏ che le condanne partano dai sei mesi per arrivare ai cinque anni: ma condanne che superassero il limite dei due anni (cioè della sospensione condizionale) non si sono mai viste, nemmeno nell’eclatante caso avvenuto proprio a Treviso dell’uomo che in tre incidenti diversi ha ucciso tre persone, la terza delle quali con una Porsche.

La proposta che è già passata alla Camera dei Deputati è partita dal territorio trevigiano, tramite il parlamentare Italico Perlini, appoggiata con una costanza e serietà straordinarie dal signor Dan, un padre cui in incidente stradale morÏ la figlioletta di pochi anni. Da allora non si è mai fermata la sua opera perchè il Parlamento cambiasse la legge. I punti fondamentali della proposta - che alla luce delle settimanali stragi sulle strade, trevigiane, venete e italiane - non stanno tanto nell’innalzamento delle pene (che pur è previsto soprattutto nel caso di reiterazioni dell’omicidio sulla strada, di commissione del reato in stato di ebbrezza), quanto nella sospensione successiva della patente (fino a 4 anni), con lunghe sospensioni anche nei casi di incidenti da cui derivino lesioni gravi, o gravissime. Non è che il legislatore voglia colpire chiunque commetta un reato che - nella gran parte dei casi - è assolutamente involontario. La sanzione vuole colpire chi lo commetta contravvenendo ad una norma.

Fondamentale - a parere anche della Procura della Repubblica - è il rispetto delle norme; in caso di contravvenzione, la sanzione salirà di molto. La revisione legislativa prevede anche il pagamento di una provvisionale che può arrivare alla metà della cifra; l’abbreviazione dei tempi per la causa civile di risarcimento del danno ma anche la possibilità di condannare il responsabile al servizio in favore di una persona, o una famiglia, che abbiano subÏto incidente stradale. Insomma, la parte educativa.

GIORNALE DI BRESCIA

Alcol al ritorno dalla discoteca: ritirate 18 patenti in Franciacorta
CONTROLLI DELLA STRADALE

Nuovo "giro di vite" nei confronti degli automobilisti che si mettono al volante dopo aver alzato troppo il gomito. Nei controlli effettuati con líetilometro in Franciacorta (Erbusco e Rovato), dalla mezzanotte di sabato alle 6 di ieri mattina, la Polizia stradale (che ha operato con 5 pattuglie, 2 di Chiari e una di Brescia, Desenzano e Boario Terme), ha ritirato 18 patenti per guida in stato di ebbrezza. A incappare nei controlli della polizia sono stati per lo più giovani che stavano tornando a casa, dopo aver trascorso la serata in discoteca o altri locali di divertimento. Sette avevano tra i 18 e i 22 anni; 5 tra i 23 i 27; 1 tra i 28 e i 32; 5 oltre 32 anni. Tutti, oltre ad aver perso 10 punti della patente, sono stati denunciati alla magistratura per guida in stato di ebbrezza, che, come tutti ormai dovrebbero ben sapere, è un reato perseguito penalmente. Ad uno degli automobilisti finiti nel mirino della Stradale, oltre allo stato di ebbrezza, è stato contestata anche la guida sotto líeffetto di sostanze stupefacenti. Ciò ha fatto scattare una sanzione immediata di 20 punti della patente, per cui è rimasto appiedato. Gli agenti della Stradale, in tutto hanno sottoposto a controlli 69 veicoli e 97 persone, ed hanno contestato anche altre infrazioni al codice della strada, come guida senza le cinture.

IL GAZZETTINO (Vicenza)

VICENZA Operazione sabato notte dei carabinieri anche contro líuso di droga

Alcool, 40 persone controllate

Alcool e stupefacenti, controllo dei carabinieri. Sono scattati l’altra notte a Vicenza, in centro e nei più immediati quartieri periferici.

Ecco il bilancio dell’operazione contro "la febbre del sabato sera": gli uomini dell’Arma hanno ritirato tre patenti per guida in stato di ebbrezza (di cui una a seguito di incidente in viale Verona, dove una Golf si è "fermata" sulla cancellata di un palazzo) e una carta di circolazione. Complessivamente sono stati decurtati una cinquantina di punti. In tutto, i carabinieri hanno controllato circa quaranta persone ed una trentina di mezzi.

LA SICILIA

Controlli dei carabinieri

Guidatori ubriachi ritirate sei patenti

I carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Agrigento nella notte fra sabato e domenica hanno denunciato sei persone per guida in stato di ebbrezza.
Si tratta di Z.U., operaio di 41 anni di Agrigento; G.G., disoccupato di 27 anni di Agrigento; Z.M., di 29 anni, marocchino; M.F. studente di 20 anni di Palma di Montechiaro; G.F. commerciante di 18 anni di Siracusa; e P.G. di 30 di Cattolica Eraclea.
Dai controlli effettuati mediante nel territorio agrigentino l’etilometro, ognuno di loro ha superato il limite imposto dalla legge, che è di 0,5 grammi di alcol per litro di sangue, ed uno di loro ha fatto addirittura segnare allo strumento il dato record di 1,96 grammi di alcol per litro di sangue.
Per tutti, oltre alla denuncia, è scattata la sospensione della patente di guida.
I controlli, previsti nell’ambito delle iniziative poste in essere dai carabinieri per prevenire le stragi del sabato sera, sono stati effettuati sul territorio agrigentino nelle zone comprese fra il frequentatissimo quartiere di San Leone ed il Villaggio Mosè fra la mezzanotte e le quattro del mattino.
Tali iniziative si rendono necessarie a causa dell’abitudine ormai consolidata degli agrigentini di trascorrere le proprie serate soprattutto all’interno di locali notturni dove vengono consumate cospicue quantità di alcolici che sempre più spesso si rivelano la causa di incidenti stradali che spesso hanno esiti drammatici.

IL GAZZETTINO (Treviso)

Schianto mortale nella notte di sabato ad Altivole. Niccolò Scardellato, 20 anni di Altivole, è morto dopo il trasporto in ospedale, l’amico Luca è ricoverato in Chirurgia.

Si è spento poche ore dopo l’impatto il giovane cuore di Niccolò. Aveva appena trascorso una serata con gli amici, al bar del paese, dove erano soliti riunirsi la sera e nei weekend per assistere tutti assieme alle partite di serie A. Un rito imperdibile quello del calcio, che Niccolò e il coetaneo Luca Vudafieri - per anni compagni di squadra all’Altivolese - hanno voluto rispettare anche sabato scorso, assistendo nel pomeriggio all’incontro del Milan, loro squadra del cuore, e in serata al match della Juve.

"Sono rimasti qui da noi fino all’una e mezza - ricorda Loris, titolare del Mc Bryons, il pub in cui i due amici avevano trascorso il sabato sera, dove ieri è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo di Niccolò -, quando sono partiti mi hanno garantito che andava tutto bene. Avevano bevuto qualche birra, era tutto a posto". (*)

Dopo aver lasciato il locale, situato nel centro del paese, a bordo della Seat Ibiza di Luca - operaio edile residente a Caselle, ricoverato in Chirurgia a Castelfranco con 20 giorni di prognosi - i due amici hanno imboccato via Trevigiana, il lungo rettilineo che porta al semaforo di Caselle. Dopo qualche chilometro però, per cause tuttora al vaglio degli inquirenti, anche se non si esclude che all’origine dell’incidente ci possa essere la pioggia e il fondo stradale scivoloso, Luca Vudafieri ha perso il controllo del mezzo, andando a sbattere con il fianco destro contro due platini, finendo la corsa contro un terzo albero, situato proprio davanti all’abitazione di Nunzio Florian, al civico 5.

"Abbiamo sentito un forte boato - spiega Florian -, poi siamo usciti per prestare soccorso, ma sul posto erano già presenti gli amici. L’auto era di traverso in mezzo alla strada". Immediato l’intervento dell’ambulanza del pronto soccorso di Castelfranco, suem di Treviso, vigili del fuoco di Asolo e stradale di Vittorio Veneto. Stando a quanto emerso finora, al momento dei soccorsi Niccolò - estratto dall’abitacolo attraverso il portellone posteriore e portato all’ospedale di Montebelluna - respirava ancora. Il tragico epilogo qualche ora dopo.

Niccolò viveva con mamma Francesca, papà Loris e la sorella Irene in via Barco 26. Era iscritto al corso di laurea in ingegneria civile all’università di Padova, ma appena poteva seguiva il padre nella sua attività di geometra. "Una ragazzo un po’ timido ma dalla simpatia contagiosa - ricordano gli amici che nei prossimi giorni gli dedicheranno una lettera -, sempre disposto ad aiutare gli altri e molto partecipe nella vita comunitaria". Nel tempo libero, infatti, collaborava come animatore per il grest, alla sagra paesana e allenava la squadra dei pulcini dell’Altivolese. La stessa squadra in cui aveva giocato per anni assieme all’amico Luca, in seconda categoria, nello stadio del paese dove oggi doveva disputarsi una partita di campionato, ma che i compagni di squadra scioccati dalla terribile notizia hanno preferito non giocare. La data dei funerali potrebbe essere stabilita in giornata. Niccolò lascia i famigliari, i tanti amici e la fidanzata Enrica.Emanuele Confortin.

 

(*) Nota: il problema sta forse tutto racchiuso in questa frase: ìavevano bevuto qualche birra, era tutto a postoî.

BRESCIA OGGI

Nella notte sulla A22 a Mantova. Il giovane di Pralboino è risultato ai controlli ubriaco
Trentunenne in autostrada contromano

Tragedia rischiata e, quasi sicuramente, patente ritirata. Protagonista è un trentaduenne di Pralboino in trasferta nel mantovano. G.M., in viaggio sabato notte con il compaesano e pressochè coetaneo G. D., era alla guida della sua Wolksvagen Passat station wagon ed è entrato contromano nellíautostrada A22 nel tratto Mantova Nord - Nogarole Rocca. Come abbia potuto sbagliare il senso di marcia non si è ben capito: il giovane della Bassa ha utilizzato il Telepass e quindi bisognerà leggere i tabulati per capire le manovre fatte. Le ipotesi formulate sono che abbia sbagliato corsia díimmissione o abbia invertito il senso di marcia utilizzano uno di quei passaggi aperti tra una corsia e líaltra per lasciar passare le vetture di soccorso.
I bresciani viaggiavano contromano sulla corsia di sorpasso ed è andato a sbattere contro la fiancata di una Fiat Marea guidata da un 59enne di Parma. Fortunatamente líincidente non ha avuto esiti particolarmente tragici. Il parmense è stato ricoverato allíospedale Carlo Poma di Mantova con un trauma facciale. Dopo la medicazione è stato dimesso. I due bresciani, che pure nellíurto avevano preso botte significative, hanno rifiutato il ricovero in ospedale.
La polizia stradale di Verona, intervenuta per i rilievi, ha constatato che il trentaduenne bresciano aveva esagerato con líalcol e questo fatto era alla base della manovra sbagliata. Uníubriachezza che ha rischiato di mettere a repentaglio altre vite. Fortunatamente durante la notte quel tratto di autostrada aveva poco traffico e líuomo alla guida della Marea è riuscito a rendersi conto per tempo di quello che stava succedendo, cosÏ da poter sterzare ed evitare líimpatto frontale.

IL MESSAGGERO (Marche)

Incidenti per la pioggia e il vento, bloccato un ubriaco al volante

FERMO La pioggia incessante di questi ultimi giorni e le continue raffiche di vento hanno creato non pochi problemi agli automobilisti. Il bilancio parla di una decina di incidenti in cui hanno giocato un ruolo importante oltre le condizioni atmosferiche la velocità e in qualche caso la guida in stato di ebbrezza. Uno spettacolare fuori strada si è avuto ieri pomeriggio intorno alle 16.30 sul tratto autostradale di Fermo in località Capodarco. Un’auto proveniente da sud, probabilmente a causa del fondo viscido, mentre era in sede di sorpasso, è uscita di strada andandosi a fermare, fortunatamente, al limite della corsia di emergenza. L’autista non ha riportato gravi lesioni. Sulla dinamica dell’incidente stanno indagando gli agenti della Polizia Autostradale di Porto San Giorgio. Due feriti, invece, sono il bilancio di uno scontro avvenuto nella notte tra sabato e ieri all’incrocio tra via Belgio e via Panama a Porto Sant’Elpidio. Era da poco passata la mezzanotte quando un’Audi A2 condotta Y.L. di 21 anni di Sant’Elpidio a Mare si è scontrata contro una Fiat Punto guidata da V.M. di 51 anni di Castelfidardo che aveva a bordo G.G. di 37 anni di P.S.Elpidio. I due feriti sono stati ricoverati allíospedale "Murri". Sul posto per i rilievi del caso è intervenuta la Polizia Stradale di Fermo. Gli stessi agenti poco prima avevano fermato e multato, nei pressi di Lido Tre Archi, sulla Statale 16, un automobilista che stava guidando in stato di ebbrezza. Infine P.P. e D.L. rispettivamente una trentunenne ed una trentaduenne di Porto San Giorgio sono rimaste lievemente ferite, insieme ad altre quattro persone, in uno scontro avvenuto sulla Statale 16 tra una Fiat 600 ed una Ford Fiesta.

IL MATTINO

IL DELITTO IN UN PAESE DEL RODIGINO

Anziana sgozzata in casa, è giallo Colpita con un coltello da cucina, síindaga in famiglia

Rovigo. Sgozzata in casa con un lungo coltello da cucina. Una morte violenta quella di uníanziana casalinga di Porto Viro (Rovigo), Adriana Zamburlin, 70 anni, che viveva con il figlio quarantenne, Alessandro Albertin. è stato líuomo a dare líallarme ieri intorno alle 5, recandosi di persona al pronto soccorso. Líuomo, che è stato sentito a lungo dagli investigatori, ha raccontato di aver trovato la madre in fin di vita, distesa in salotto in una pozza di sangue. Sul collo alcune ferite infertele con un coltello da cucina - mortale un colpo alla carotide - poi trovato sul lavello. Ma su porta e finestre della modesta casa non vi sono segni di effrazione e dunque appare improbabile líipotesi di una rapina. Líuomo, che lavora come camionista, litigava spesso con la madre e sembra che la notte scorsa fosse ubriaco. Sembra inoltre che entrambi fossero in cura per problemi di depressione, e che la donna avesse avuto in passato qualche problema di alcolismo. Sentito anche líaltro figlio della donna, Daniele, assicuratore. Le indagini sono coordinate dal pm di Rovigo Manuela Fasolato. Tutto farebbe pensare a un delitto maturato nell’ambito familiare.

IL TERRITORIO.INFO

UBRIACO, TENTA DI INVESTIRE DUE AGENTI

Bernard Claude Gauli, 58 anni, è rimasto coinvolto in un tamponamento sabato a mezzanotte. Allíarrivo della polizia si è rifiutato di mostrare i documenti ed ha risposto con calci e pugni. Dopo aver aggredito i poliziotti ha anche tentato la fuga ma è stato bloccato.

Ha mandato in ospedale due agenti, distrutto una macchina della Volante e creato il panico in pieno centro. E tutto questo dopo un banale tamponamento avvenuto tra viale XVIII Dicembre e via Adua sabato sera poco dopo mezzanotte.

Bernard Claude Gauli, 59 anni nato in Tunisia ma residente da diversi anni a Sabaudia, si è reso protagonista di questo grave episodio dopo aver trascorso una intera serata a bere. Líuomo, infatti, era completamente ubriaco e non era cosciente delle sue azioni. Tutto è iniziato dopo un banale tamponamento: Gauli era alla guida della sua Peugeot 106, davanti a lui altre due auto che restano coinvolte in un tamponamento. Gauli non si accorge che líauto che lo precedeva aveva rallentato ed è andato a schiantarsi contro. Mentre i conducenti dei due mezzi scendevano e chiedevano líintervento della polizia, Gauli restava in macchina stordito dallíalcol. Allíarrivo dei due agenti della Volante, líuomo si è prima rifiutato di scendere, poi di mostrare i documenti. Dopo essere sceso, però, Gauli ha aggredito i due agenti con calci e pugni, è risalito sullíauto ed ha tentato di fuggire via rischiando di investire i poliziotti che cercavano di bloccarlo. Alla fine i due agenti, tenacissimi, sono riusciti nel loro intento ed hanno bloccato Gauli. Una volta ammanettato líuomo è entrato nellíauto della Polizia ma non senza reagire. Una volta dentro, infatti, ha iniziato a tirare calci distruggendo il vetro e lo sportello della macchina. Condotto in Questura per il riconoscimento líuomo è stato denunciato per resistenza, violenza, minacce a pubblico ufficiale e guida in stato di ubriachezza.

I due agenti della squadra Volante sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari dellíospedale Santa Maria Goretti di Latina. I medici hanno previsto per uno di loro una prognosi di 25 giorni per líaltro di dieci.

IL GIORNALE DI VICENZA

Controlli dei carabinieri. Nella notte ritirate tre patenti in città per guida in stato di ebbrezza

Ubriaco, tampona una vettura tenta di scappare ma si schianta

(d. n.) Controlli stradali contro gli incidenti del sabato notte e per fermare gli ubriachi al volante. Come quel giovane pakistano di 22 anni, regolare in Italia, che al volante di una Volkswagen Golf stava percorrendo pieno di birra e superalcolici (*) viale Verona e non síè accorto che la macchina davanti a lui aveva frenato, e líha tamponata. Ha cercato con una goffa manovra di inversione a U di fuggire, ma ha sbagliato le misure ed è andato a schiantarsi contro una cancellata.
Nella notte fra sabato e ieri i carabinieri del radiomobile hanno ritirato tre patenti per guida in stato di ebbrezza e una carta di circolazione. Inoltre, per varie violazioni al codice della strada, sono stati decurtati dalle patenti dei vicentini altri cinquanta punti. I militari del tenente Dotto hanno identificato una quarantina di persone e controllato trenta automezzi tutti nel centro città e nei paesi dellíimmediata periferia.
Il senso dellíattività è la prevenzione dagli incidenti che avvengono con frequenza nel fine settimana. Purtroppo i controlli evidenziano uníalta incidenza fra persone coinvolte di conducenti che si mettono al volante dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo. Un fenomeno che, come è stato più volte evidenziato, è in costante crescita negli ultimi anni nonostante le misure restrittive della patente a punti e i continui posti di blocco organizzati dalle forze dellíordine nel fine settimana. Evidentemente, il fascino dellíalcol è più forte del rischio di restare senza patente per qualche mese e di finire sotto processo in tribunale davanti ad un giudice.
Vicentino picchiato a Jesolo.
Un giovane vicentino è stato pestato fuori da una discoteca di Jesolo (Venezia). Luigi Conte, 24 anni, residente in città, si era recato in laguna per passare una serata di divertimento e relax. Al momento di tornare a casa, però, ha litigato con un gruppo di persone che allíesterno del locale gli si sono avventate contro. Conte ha subito un taglio al labbro e la frattura del setto nasale. è stato accompagnato in ospedale e medicato. Guarirà in almeno un mese.

 

(*) Nota: sarà ossequio del contemporaneo Vinitaly che questo articolista esclude che líebbrezza possa essere stata causata dal vino?

IL MESSAGGERO (Umbria)

Città di Castello. Líuomo, in stato confusionale, voleva fare un blitz. Pare che la sua auto fosse stata danneggiata

Pistola spianata, paura in discoteca

Guardia giurata entra in un locale minacciando con líarma: bloccato

CITTA’ DI CASTELLO - Entra in divisa ed armato in una discoteca minacciando con la pistola d’ordinanza alcuni avventori del locale pubblico.
Attimi di terrore la scorsa notte presso la discoteca "Clover" di Lama di San Giustino.
Erano all’incirca le 2,30 quando, una guardia giurata di 44 anni, dipendente di una società di vigilanza della zona, si è presentata dicendo al titolare del locale, di aver avuto una disposizione da dei superiori, per effettuare un’ispezione. I responsabili della discoteca hanno tentato di far ragionare l’uomo, chiedendo i motivi di tale iniziativa; questi, in evidente stato di ebbrezza, ribadiva la volontà di controllare tutto il locale, proponendo anche di spegnere la musica ed accendere le luci. Gli addetti alla sicurezza del locale hanno subito avvertito i carabinieri della compagnia tifernate, nel frattempo la guardia giurata, vedendosi rifiutare la collaborazione, avrebbe estratto dalla fondina la sua pistola d’ordinanza ed avrebbe iniziato a minacciare alcuni giovani che si trovavano accanto a lui.
Fortunatamente non ci sono state scene di panico e tutti hanno tenuto la massima calma, nonostante la comprensibile paura, mentre la guardia giurata passava da momenti di apparente normalità ad eccessi di euforia. Nel giro di pochi minuti sono arrivati i carabinieri che hanno immediatamente immobilizzato l’uomo togliendogli di mano la pistola.
La guardia giurata è stata subito posta in stato di fermo ed il magistrato ha disposto l’immediata perquisizione dell’abitazione dell’uomo a Pietralunga. I carabinieri si sono quindi spostati nel comune montano ed all’interno dell’appartamento hanno rinvenuto e provveduto al sequestro di 15 fucili e 3 pistole che il vigilante deteneva regolarmente.
Al termine della mattinata i carabinieri denunciavano in stato di libertà la Guardia Giurata con l’accusa di minaccia aggravata con arma.
I carabinieri stanno comunque ancora verificando tutta la vicenda poichÈ ci sarebbero punti oscuri e non ancora definitivamente chiariti. Al momento in cui è stata recuperata la vettura della società di vigilanza i carabinieri hanno notato diverse ammaccature che potrebbero essere state fatte prima dell’ingresso dell’uomo nella discoteca. Il vigilante aveva avuto un incidente? Era uscito di strada? Aveva effettuato il consueto servizio di ispezione notturna? Sono queste alcune delle domande che si pongono gli investigatori.
Al vaglio ci sarebbero anche alcune dichiarazioni rilasciate dall’uomo al suo arrivo a Pietralunga, che hanno allarmato gli amici del 44enne.
Un fatto sicuramente grave quello che si è consumato in altotevere nella notte tra sabato e domenica che, comunque, alla fine ha avuto un epilogo assai meno drammatico rispetto a quello che si sarebbe potuto verificare.

IL MESSAGGERO (Ancona)

Badante accoltellata, arrestato il compagno

La tragedia ai giardini di Fano per una parola di troppo. Lei moldava, lui albanese: era ubriaco

Una parola sbagliata líha condannata a morte. Un tono brusco, una frase offensiva o forse soltanto equivocata in uno sgarbo è costata la vita a Varvara Zdrobau, badante moldava di 41 anni, uccisa sabato pomeriggio a coltellate a Fano allíingresso dei giardini del canale Albani, nella zona elegante del Don Gentili, dal suo compagno gonfio di alcol e rabbia. Un solo fendente, ma mortale, líha raggiunta alla schiena nella zona lombare allíaltezza del rene recidendo líarteria. Erano le 18, la donna è morta uníora dopo per dissanguamento al Santa Croce mentre nello stesso ospedale si presentava al pronto soccorso in stato confusionale il suo uomo, Sazan Bana, albanese di 42 anni, facile a bicchieri e scatti díira. Líimmigrato - bloccato dalla polizia che stava presidiando líingresso di ospedale, stazione ferroviaria e casello autostradale sperando in un passo falso dellíomicida - era accompagnato da un suo connazionale e quello che inizialmente era apparso un confuso farfugliare da shock si è rivelata uníalterata condizione da ubriachezza. Galleggia nellíalcol il delitto dei Passeggi risolto dalla squadra mobile di Pesaro e dagli agenti del commissariato di Fano in una manciata di ore, nello spazio di una sera. Líalcol che porta alle deriva due esistenze che le fa scontrare e affondare (*). Sazan Bana, ora rinchiuso a Villa Fastiggi dopo essere stato posto dal pm Stefano Celli in stato di fermo con líaccusa di omicidio volontario, è un doppio emarginato: dal suo essere albanese e dai suoi stessi connazionali per il carattere scontroso ma anche violento e litigioso tanto da essere già noto agli inquirenti per precedenti maltrattamenti nei confronti dellíex moglie. Carpentiere quando capita, separato con un figlio, líuomo non ha nemmeno un posto fisso per vivere.

 

(*) Nota: lo stesso giornale, lo stesso giorno, riporta il seguente articolo. Questa è la nostra cultura.

IL MESSAGGERO (Ancona)

NOVITà DELLíESTATE

Festa della birra in piazza Pertini

E il cinema allíaperto trasloca dalla Mole al Cardeto

La birra che invade piazza Pertini. E i film che dalla Mole traslocano al Cardeto. Líestate 2005 si presenta con queste novità. Torna la birra in piazza, ma non si brinderà più all’ombra del conte Camillo Benso. Dopo un anno di stop, ritorna la manifestazione che da piazza Cavour si sposta in piazza Pertini. Nuova la formula, nuova soprattutto la data della manifestazione che per precisa volontà del Comune sarà organizzata non più agli inizi di luglio, bensÏ a cavallo tra luglio e agosto, indicativamente da venerdÏ 29 luglio a domenica 7 agosto. Un modo per traghettare chi resta in città dalle partite di calcetto del Torneo di piazza Pertini fino alla festa del mare di settembre. Líintenzione è di scremare la festa da tutti gli aspetti da sagra di paese, tra panini, salsicce e piadine, conferendogli un più ampio respiro, anche internazionale. In piazza sarà allestito un solo spazio ristorante, al posto degli stand dei diversi ristoratori che hanno partecipato alle passate edizioni. CosÏ come unica sarà la birra servita agli anconetani, una birra trentina (la Forst) sponsor della manifestazione: dietro ai fornelli, ogni sera, un ristoratore diverso, per lo più professionisti di fuori Ancona. Nelle ipotesi, tra gli altri, un cuoco trentino e uno dell’altra sponda dell’Adriatico.
Ma l’estate anconetana 2005 sarà all’insegna della novità anche per il cinema tradizionalmente ospitato alla Mole. A causa dei lavori che interesserano il Lazzaretto, l’arena estiva all’interno della Mole dovrà traslocare. Tra le soluzioni possibili, l’Arci ha pensato allíutilizzo del tetto del parcheggio della facoltà di Villarey, praticamente in area Cardeto. "Avevamo pensato anche al cortile di Villarey - spiega Carlo Pesaresi, presidente dell’Arci - ma il prato è stato sistemato da poco e cosÏ ci sarebbe stato il rischio di rovinarlo. Abbiamo chiesto al rettore di poter utilizzare il tetto del parcheggio: aspettiamo risposte".

IL TEMPO

"Lei è mia", e uccide il rivale a bastonate
Il ragazzo si era invaghito di una connazionale minorenne. Un altro rumeno lo ha massacrato Omicidio nella baraccopoli di Ponte Marconi. La vittima, un rumeno di 22 anni, è clinicamente morto. Chiesta la donazione degli organi

di ALFREDO VACCARELLA Una parola di troppo. Forse un sorriso alla ragazza sbagliata. Tanto è bastato perchÈ Mihail, 22 anni, rumeno, finisse con la testa rotta sotto un ponte della Capitale. Sotto Ponte Marconi, alle 2 dellíaltra notte, dopo una serata passata a bere nelle baracche dei rumeni sulle sponde del fiume. La storia, ancora al vaglio degli investigatori della sezione omicidi della Squadra Mobile, agli ordini di Eugenio Ferraro, affonda le sue radici in un raptus di gelosia di un rumeno di 27 anni, Petru, da tempo invaghito di una ragazzina di 17 anni, anche lei rumena, anche lei una delle tante anime disperate che vivono in queste baracche fatiscenti che sorgono sotto Ponte Marconi. "Di lui, di Pietro non ne volevo sapere - ha spiegato la giovane, una ragazzetta bassina, mora, agli agenti - ma lui insisteva, continuava a starmi intorno". Difficile capire se fra i due vi fosse stato un rapporto sentimentale prima, e se un nuovo rapporto fosse nato con Mihail, o magari stesse per nascere. In un mondo o nellíaltro, líaltro ieri sera, la storia ha avuto il suo epilogo nella feroce, brutale aggressione. Dalle testimonianze degli altri abitanti della baraccopoli, una quindicina di persone portate in Questura nella notte, sembra che la discussione sia nata proprio per via di una romantica chiacchierata in riva al fiume di Mihail e della diciassettenne. Complici i fumi dellíalcol, Petru, il ventisettenne, insieme a un complice di 19 anni, ha aggredito il rivale con una spranga, forse anche con un coltello, massacrandolo di botte. Poi il corpo del ragazzo, ormai moribondo, è stato portato sulla strada, e i due assassini sono scappati. A trovare il ragazzo, ferito in modo gravissimo e con il cranio sfondato, è stato un italiano che vive nelle vicinanze in una macchina con il suo cane. Líuomo, che non è propriamente un barbone, si è adattato a sopravvivere in questo modo da mesi dopo aver litigato con la moglie, finendo fuori di casa col suo cane. proprio facendo scendere líanimale per i bisogni, líuomo ha trovato il rumeno, chiamando il 118. Ma quando líambulanza è arrivata ormai cíera già ben poco da fare. Il poveretto è stato trasportato in ospedale, al San Camillo, dove ieri pomeriggio è stato dichiarato clinicamente morto, al punto che se ne ricercavano i familiari per dare líautorizzazione allíespianto degli organi. Le indagini intanto, mai come stavolta velocissime, avevano già consentito ai poliziotti della Mobile, diretta dal capo Alberto Intini, di acciuffare i due responsabili, sottoposti al fermo in Questura. A inchiodare gli assassini sono state proprio le testimonianze dei compagni di baracca, che durante líinterrogatorio dei poliziotti, dopo un primo tentativo di nascondere la vicenda, sono caduti in contraddizione. Di lÏ ad avere i nomi dei due rumeni è stato un attimo. E gli extracomunitari sono stati bloccati poco più tardi nel corso di una battuta in zona Marconi.

VIRGILIO NOTIZIE

Almeno 800.000 i ragazzi depressi in italia

Lo dice Burani, presidente Commissione Bicamerale Infanzia

(ANSA)-ROMA, 11 APR- Ci sono 800mila ragazzi depressi in Italia ma e’ un numero in difetto, afferma il presidente della Commissione Bicamerale per l’Infanzia Burani. Per la parlamentare occorre attivare una rete che riguardi le strutture sociali e la Scuola. Per le statistiche i ragazzi tra 15 e 25 anni sono colpiti da ’disturbi d’ansia e comportamentali, sintomi prodromici di patologie di personalità, disturbi di dipendenza da alcool o droga’ e ci sono poi ’in misura minore anche soggetti a rischio psicosi’.

LíADIGE

AllíIstituto Fontana la giornata sul cancro. Tutti contro il fumo Cristofolini: "Troppo speck"

DI CORONA PERER

"Attenzione: le multinazionali stanno guadagnando sulla vostra pelle". Un vero e proprio scossone quello che il presidente provinciale della Lega per la lotta contro i tumori ha dato agli studenti dell¥istituto Fontana nel corso di una giornata promossa per fare prevenzione.
"Quella del fumo è solo una cattiva abitudine, nociva per la salute", ha detto Mario Cristofolini affiancato dalla responsabile di Rovereto Laura Bettini. I dati lo dicono chiaramente: il Trentino è al secondo posto nel registro tumori dopo il Friuli. Studi epidemiologici dicono che le abitudini e gli stili di vita dei trentini sono sbagliate. La dieta innanzitutto: troppo speck, lardo e burro. Ci vorrebbe in realtà più frutta e verdura, più movimento, soprattutto bere meno alcolici e non fumare.
"La sigaretta incide per il 30% nei fattori di rischio. Basterebbe cambiare abitudini e il trend di tumori si potrebbe ridurre della metà", afferma ancora Cristofolini. "Noi qui abbiamo tentato di suscitare amor proprio nei ragazzi, provocarli e dar loro uno scossone".
Alla giornata di prevenzione e sensibilizzazione indetta dall¥istituto nell¥ambito del progetto salute hanno partecipato circa 350 studenti del Fontana. è stata anche l¥occasione per sentire la testimonianza di un loro coetaneo, Lorenzo Gios, 24 anni di Rovereto che sta lavorando attivamente con la Lilt per movimentare nelle scuole iniziative che vedano gli studenti in prima persona protagonisti della lotta al fumo (al momento si sta lavorando anche alla predisposizione di uno spot in collaborazione con il CDM di Rovereto).
In attesa del 31 maggio, giornata nazionale di lotta al tabacco, è stata inaugurata una mostra nella hall della scuola, curata da Maurizio Menestrina. Attraverso la tecnica del fumetto si riproduce il binomio fumo-morte. Soddisfatto il dirigente Buccellato. "Ci auguriamo che questa giornata serva da riflessione". Sul pavimento tanti pacchetti di sigarette con la loro sinistra scritta: il fumo uccide.
"Già, il fumo uccide - commenta caustico Cristofolini - ma questa è una delle tante incongruenze del nostro stato che prima vara una legge per mettere questa scritta obbligatoria sulle confezioni e poi vende la morte detenendo il monopolio della vendita dei tabacchi".
Martedì, 12 Aprile 2005
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK