Martedì 12 Novembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Incidenti ai trattori agricoli primo semestre 2012
L’Osservatorio il Centauro-Asaps  ha monitorato 180  episodi che hanno causato 82 vittime e 117 feriti
Gli over 65 coinvolti in 59 sinistri (33%)

Finalmente una inversione di tendenza. Rispetto al primo semestre 2011 calano gli incidenti (-12,7%), e le vittime (-22,1%). Identico il numero dei feriti.

(ASAPS) Nel primo semestre del 2012 l’Osservatorio Morti Verdi de il Centauro-Asaps sugli incidenti con coinvolti mezzi agricoli ha registrato 180 episodi. Di questi, 90 (50%) si sono verificati al nord, 52 (28,9%) al centro e 38 (21,1%) al sud. La maggior parte dei sinistri è avvenuta fuori strada, in sostanza l’ambiente classico del lavoro degli agricoltori, dove si sono verificati 140 episodi (77,8%), mentre 40 hanno avuto come scenario la strada. Nei 180 incidenti con macchine agricole, hanno perso la vita 82 persone e 117 sono rimaste ferite. Delle 82 vittime, 70 erano i conducenti del mezzo agricolo, 3 trasportat1 e 9 terzi coinvolti. Dei 117 feriti, 85 erano i conducenti del trattore, 8 trasportati e 24 terzi coinvolti.
La maggior parte degli incidenti si è verificata nelle ore diurne con 167 episodi che rappresentano il 92,8% del totale; solo 13 sono avvenuti di notte. In 59 casi erano coinvolti anziani over 65 (33%). In quattro episodi il conducente era straniero. 
Confrontando i dati dei primi sei mesi 2012 con quelli dello stesso periodo del 2011, si nota finalmente una auspicata inversione di tendenza (è la prima volta da quando nel 2009  è stato attivato l'Osservatorio Morti Verdi  dell'ASAPS) , con un calo degli  eventi complessivi (-12,7 %), e ancor più sensibile quello delle vittime (-22,1%). Stazionario il numero dei feriti.   Nei primi 6 mesi del 2011, infatti, l’Osservatorio il Centauro Asaps registrò 206 episodi che causarono 105 vittime e 118  feriti.
Questo ci sprona a tenere ancora alto il livello di guardia con la puntuale osservazione da parte nostra della sinistrosità globale dei lavori nei campi, dove i nostri agricoltori stanno pagando un prezzo ancora elevatissimo, con l'auspicio che le istituzioni competenti adottino le necessarie misure informative e di sicurezza. (ASAPS)

 

 

Mercoledì, 01 Agosto 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK