Giovedì 06 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Rassegna stampa alcol e guida del 24 agosto 2005

RASSEGNA STAMPA "ALCOL E GUIDA"

Note a cura di Alessandro Sbarbada
Servitore-insegnante in un Club degli Alcolisti in trattamento a Mantova.


LA PROVINCIA DI CREMONA
 
Tra Casalbuttano, Bordolano, Corte de’ Cortesi, Robecco
Per combattere l’alcol calcio con squadre miste.

CASALBUTTANO — Anche il pallone dà una mano alla salute. Per l’intera giornata di domenica con fischio di inizio alle 9, il campetto del gruppo sportivo amatori di San Vito ospita il quadrangolare di calcio fra squadre miste di Casalbuttano, Bordolano, Corte de’ Cortesi e Robecco. La manifestazione sportiva è inserita nel progetto di prevenzione denominato ‘Alcol...parliamone’, attivo dall’inizio dell’anno sul territorio dei quatto paesi, grazie all’impegno delle amministrazioni comunali, dell’associazione ‘BUSsola’ di Cremona, dell’Asl e dell’Acat, (Club alcolisti in trattamento) di Soresina. Numerose le iniziative che in questi otto mesi sono state organizzate per sensibilizzare la popolazione sui problemi legati al consumo di bevande alcoliche. Spiega il sindaco di Casalbuttano Guido Montagnini: «Siamo partiti mettendo a disposizione dei cittadini residenti nei quattro comuni del materiale illustrativo, sollecitandoli nello stesso tempo ad intervenire agli incontri preparati per parlare di questo tema sociale attualissimo con degli esperti; dopo la festa analcolica del 16 luglio alla piscina comunale — continua Montagnini — che ha avuto un grande successo grazie al duo ‘Gianni & Cristiano’, proponiamo questo torneo di calcio al quale prenderanno parte anche i sindaci e gli assessori. Meritano un grazie particolare il gruppo sportivo amatori che ha dato la disponibilità della struttura e Paola Conti dell’associazione ‘BUSsola’, per la competenza e l’entusiasmo contagioso dimostrati sin dall’inizio del progetto».

IL GAZZETTINO (Vicenza)
 
Fine settimana con l’etilometro undici automobilisti super positivi.
Fine settimana di guerra all’alcol al volante per le pattuglie della Polstrada di Vicenza, al comando del vice questore aggiunto Antonio Macaganino.
Per undici delle tredici patenti ritirate, la motivazione è stata proprio la guida in stato di ebbrezza con tassi alcolemici da far rabbrividire, ben oltre quello 0,50 grammi per litro fissato dalla legge. E quel che è più preoccupante che gli automobilisti maggiormente indisciplinati dal punto di vista dell’assunzione di bevande alcoliche sono quasi tutti giovani al di sotto dei trent’anni.
Ad alzare il gomito in maniera decisamente eccessiva è stato un vicentino di 26 anni, sorpreso lungo la statale 11 "Padana superiore" con un 2.95 g/l. A ruota, uno scledense di 23 anni, che scheggiava nel centro di Schio con una percentuale pari a 1,83. Mentre un venticinquenne di Lonigo, fermato a Tavernelle, ha fermato l’etilometro a 1,79 quasi come un trentaseienne di Roncà intercettato a Torri di Quartesolo con 1,77.
Complessivamente sono stati 55 i conducenti sottoposti all’alcoltest su 344 persone controllate e 319 veicoli fermati.
Trenta le pattuglie in servizio che hanno verbalizzato nel complesso 106 infrazioni al codice della strada: sei per eccesso di velocità (in due casi è scattato anche il ritiro della patente), tre per mancato uso delle cinture di sicurezza, 2 per utilizzo del cellulare senza auricolare o vivavoce, e appunto undici per guida in stato di ebbrezza.
In totale dalle patenti dei guidatori caduti nella rete del servizio prevenzione della Polstrada sono spariti 227 punti.
Cinque gli incidenti rilevati, di cui tre con feriti ma lievi. Numerosi gli interventi di soccorso a veicoli in panne, ben 39, soprattutto lungo il tratto autostradale di competenza. Undici infine le persone denunciate: sono le stesse a cui è stata contestata la guida sotto l’effetto dell’alcol.

IL GAZZETTINO (Padova)
 
JESOLO
A lezione per evitare le stragi
La Polizia Municipale incontra i giovani sul tema della sicurezza stradale.

Durante il corso dell’estate, la Polizia Municipale di Jesolo è stata protagonista di una campagna di prevenzione sulla sicurezza stradale rivolta a tutti i giovani che frequentano il litorale. Sulle varie piazze del litorale, gli agenti si sono fermati per incontrare i giovani, mettendo a disposizione i loro strumenti di lavoro per avvicinarli e dialogare con loro. "Questi importanti appuntamenti - spiega il comandante Claudio Vanin - sono l’occasione per divulgare le informazioni necessarie per favorire la sicurezza sulla strada, nel tentativo di impedire quei comportamenti che rischiano di essere molto pericolosi. Dal 2003 la Polizia Municipale, in collaborazione con Anvu -Associazione Professionale della Polizia Municipale e Locale d’Italia -, si fa portavoce del progetto Pensa alla vita, guida con la testa, campagna di prevenzione sulla sicurezza stradale".
Nel corso delle serate, l’amministrazione comunale è presente con una delegazione di Polizia Municipale e dell’Anvu Veneto impegnandosi per divulgare informazioni sulla sicurezza e dando la possibilità di effettuare prove con l’etilometro.
Sabato scorso, in particolare, la campagna informativa è stata protagonista, insieme alla discoteca K Beach di via Equilio della trasmissione Rai Life, la televisione che ti salva la vita", andata in onda su Rai Uno dalle 1.45 alle 5.45 della note tra sabato e domenica.
Nel 2005, la Polizia Municipale e Anvu Veneto, hanno dato alle stampe una nuova edizione dell’opuscolo informativo che fa capo alla Campagna Pensa alla vita, guida con la testa. Il libricino, che viene distribuito durante le serate sulla sicurezza, contiene tutte le informazioni necessarie per conoscere quali sono i comportamenti da mantenere alla guida di un autoveicolo, le sanzioni comminate ai contravventori, le nuove norme contenute nel Codice della Strada. "Faccio i complimenti al comando di Polizia Municipale di Jesolo - ha dichiarato il sindaco di Jesolo, Francesco Calzavara - per l’ottimo esito che stanno dando le serate sulla sicurezza. I giovani, primi destinatari dell’appuntamento, rispondono all’iniziativa con incoraggiante entusiasmo". "Il nuovo opuscolo Pensa alla vita, guida con la testa - ha concluso Calzavara - è molto utile ed è ricco di informazioni che risultano interessanti per tutti e non solo per i giovani neopatentati. All’interno sono contenute tutte le norme del Codice della Strada, il risultato è uno strumento davvero utile, realizzato con un linguaggio semplice e comprensibile".
Fabrizio Cibin.
 
 
CORRIERE ROMAGNA
 
Ubriaco ferisce agenti della Municipale, Senegalese arrestato dai carabinieri.
Milano Marittima - Ubriaco tira bottiglie contro i negozi, poi si avventa e colpisce due agenti della Municipale che sono costretti a chiamare i carabinieri per bloccarlo. Un senegalese di 34 anni, Ibrahim Sene, è stato arrestato nella notte tra domenica e lunedì dai militari del Norm di Milano Marittima nelle strade della località turistica cervese.Per lui l’accusa è quella di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, che risiede a Reggio Emilia, dopo qualche eccesso alcolico si era lasciato andare a gesti violenti per le strade di Milano Marittima. Prima importunando i turisti, poi rompendo bottiglie contro alcune saracinesche di negozi già chiusi.L’intervento della Municipale è stato difficoltoso: due agenti sono stati feriti e giudicati guaribili in cinque giorni. E’ già la seconda volta, questa estate, che agenti vengono feriti in servizio. L’ultima volta il protagonista negativo della vicenda era stato un ambulante cinese che, sorpreso a vendere orologi falsi in spiaggia, aveva reagito in maniera violenta, graffiando due agenti alla schiena. Anche loro se la cavarono con pochi giorni di prognosi. Il senegalese è stato bloccato e arrestato dai carabinieri e portato in cella di sicurezza. Ieri dopo l’udienza di convalida, il difensore ha chiesto i termini a difesa, il suo processo si terrà venerdì prossimo. Nel frattempo il pm Vulpio ha chiesto e ottenuto la custodia cautelare in carcere.
EMILIANET
 
Ubriachi danneggiano auto parcheggiate
Denunciati due giovani marocchini entrambi irregolari.
BOLOGNA - Completamente ubriachi, si divertivano a danneggiare alcune auto parcheggiate in via del Pratello, nel centro di Bologna, ’rigandole’ e rompendo i finestrini. I vandali, individuati e denunciati dalla polizia verso le 3 della scorsa notte, sono due cittadini marocchini di 27 e 31 anni, entrambi irregolari in Italia. A chiamare il 113 è stato un cittadino di passaggio, che li ha visti prendere di mira, con i cocci di bottiglie di birra, almeno un paio di vetture in sosta (una Fiat Stilo e una Fiat Tipo), a una delle quali avevano infranto un vetro. Grazie alle descrizioni fornite dal testimone, i poliziotti li hanno subito rintracciati nella vicina piazza Malpighi. Dopo la denuncia per danneggiamento aggravato e continuato, i due marocchini sono stati affidati all’ufficio immigrazione della Questura, per le pratiche di espulsione.

IL GAZZETTINO (Venezia)
 
Ubriachi, tenevano la musica a tutto volume: denunciati.

La festicciola privata che avevano organizzato in un appartamento in sestiere Cannaregio era particolarmente rumorosa tanto da costringere una condomina quarantunenne ad allertare il 113 per far abbassare il volume della musica e le chiacchiere insistenti. All’arrivo della volante lagunare però i due entusiasti festaioli, A.R., studentessa abruzzese di 22 anni e, con lei, N.N., cittadino austriaco 46enne con precedenti penali, entrambi visibilmente ubriachi, sono andati in escandescenza, prendendo in giro gli agenti e affermando a gran voce di essere liberi di fare quello che vogliono dentro casa propria. Nei loro confronti è scattata una denuncia per disturbo alla quiete pubblica.
L’ennesimo episodio di maleducazione è avvenuto alle 2.35 dell’altra notte, in occasione di una festa privata in sestiere Cannaregio. La musica e il chiasso che provenivano da quell’appartamento erano talmente forti, nonostante l’ora fosse decisamente tarda, da costringere una signora che abita al piano di sopra a scendere per chiedere di smettere, poiché, aveva tentato di spiegare, il giorno successivo sarebbe dovuta andare a lavorare. Ricevuta però come risposta solo una serie di male parole, la donna, a quel punto, ha pensato bene di avvertire la polizia. Gli agenti, arrivati sul posto subito dopo, hanno tentato più volte di farsi aprire la porta prima di riuscire effettivamente a entrare in casa: qui hanno provveduto all’identificazione della ragazza e dell’uomo. Quest’ultimo, che probabilmente insieme all’alcool aveva assunto anche delle sostanze stupefacenti, si era rivolto ai poliziotti in modo aggressivo e strafottente. A un certo punto, in questa atmosfera da "baruffe chiozzotte", sono intervenuti anche i vicini che, esasperati dal rumore, hanno cominciato a inveire contro i due. Subito dopo è scattata la denuncia.
BRESCIA OGGI
 
SULZANO. Tunisino di 29 anni arrestato dai militari della stazione di Marone
Prima picchia un cliente al bar poi aggredisce due carabinieri.
Lunedì notte movimentato nel bar di via Cadorna a Sulzano. Solo l’intervento di una pattuglia dei carabinieri di Marone ha messo fine ad un litigio tra due avventori, accesosi nel locale e proseguito poi in strada. Un tunisino di 29 anni che risiede in paese ha iniziato a molestare un cliente 65enne: stando alla ricostruzione dei carabinieri, l’immigrato era in evidente stato di ubriachezza quando ha infierito contro l’anziano cliente, prendendolo a pugni e procurandogli contusioni guaribili in due settimane.
Erano le 21 quando la sala operativa dei carabinieri di Chiari ha ricevuto la richiesta d’intervento da Sulzano ed ha inviato sul posto la pattuglia più vicina. Anche alla vista dei militari Hischem Boujanci non si è calmato: ha reagito rimediando l’accusa di resistenza e violenza pubblico ufficiale in aggiunta a quella di lesioni per aver colpito l’avventore di Sulzano.
Il nordafricano è stato condotto in carcere a Brescia in attesa della convalida dell’arresto.
f.mo.
RADIONEWS
 
Provoca incidente stradale nel comasco e fugge. Trovato in un albergo del varesotto .
È stato individuato in un albergo del varesotto il 37enne croato che ieri pomeriggio era fuggito dall’Ospedale Fatebenefratelli di Erba dov’era stato accompagnato dopo un incidente stradale che lui stesso aveva provocato. Alla guida di un furgoncino l’uomo, forse in stato di ebbrezza, aveva invaso la corsia opposta su una strada di Pusiano scontrandosi con l’auto di un 36enne di Alzate Brianza che ora rischia di perdere un braccio. Accompagnato in Ospedale dalla Polizia Stradale di Lecco intervenuta per i rilievi, il croato era sceso dall’ambulanza e approfittando di un attimo di distrazione degli agenti era fuggito facendo perdere le proprie tracce. Per lui si profila una duplice denuncia: per guida in stato di ebbrezza e per lesioni.
IL MESSAGGERO (Pesaro)
 
Ristoranti e negozi aperti, ma in zona stadio vietata la vendita di alcolici, lattine e bottiglie .
ASCOLI Bar e negozi aperti, ma niente alcol in un’ampia zona intorno allo stadio Del Duca, fino a piazza Immacolata e San Filippo. Questo hanno deciso il sindaco Piero Celani e l’assessore al commercio Cesare Celani in vista della partita di domenica col Milan per la quale è stata concessa una deroga a tutto gli esercizi, negozi, bar, ristoranti, pizzerie e centri commerciali che potranno restare aperti. «Grazie alla sensibilità dei dirigenti della Questura ed in particolare del dottor Tosti siamo riusciti ad evitare che dovessero restare chiusi i bar nella zona dello stadio per motivi di ordine pubblico. Da mezzogiorno alle 19 non potranno però vendere nessun tipo di alcolici, non potranno essere vendute bibite in bottiglie o lattine chiuse» spiegano. «Un gesto di fiducia che ci aspettiamo venga ripagato con il rispetto tassativo dell’ordinanza perché altrimenti non consentiremo più l’apertura nelle prossime occasioni» ammoniscono Celani & Celani.
Il divieto di vendita di alcolici riguarda i bar e ristoranti compresi in queste zone: via Amadio, via Zeppelle, viale Rozzi, la circonvallazione ovest da via Nuoro al distributore di gas, da San Filippo al viale della stazione, compresi viale Indipendenza e viale della Repubblica, e poi via Murri fino a piazza Immacolata.
Allo stadio si potrà andare solo a piedi: gli ascolani passando per via delle Zeppelle e il ponte di Rozzi, gli ospiti dalla circonvallazione. Nessuna possibilità di andare in auto alla partita e parcheggiare nel piazzale dello stadio.
P. Erc.
EMILIANET
 
Stand della Consulta provinciale per la sicurezza stradale
Domani l’inaugurazione con De Maria e Prantoni alla festa dell’Unità numerose le iniziative.
BOLOGNA - Per il terzo anno consecutivo, la Consulta provinciale per la sicurezza stradale (organismo presieduto dall’assessore provinciale alla Viabilità e Mobilità, Graziano Prantoni e di cui fanno parte numerosi soggetti pubblici e privati) sarà presente con un proprio stand alla Festa dell’Unità di Bologna, che si svolge al Parco Nord da domani al 19 settembre.
E’ il tema della sicurezza stradale sarà al centro delle numerose iniziative organizzate dalla Consulta: ogni sera, nella sala dibattiti di Esaforum, si terranno momenti informativi e educativi, tra cui sei tavole rotonde; sono state inoltre organizzate quattro passeggiate in bicicletta, in collaborazione con Monte Sole Bike Group per rilanciare il tema delle piste ciclabili; ulteriori incontri volti a spiegare come utilizzare al meglio la bicicletta come mezzo di trasporto alternativo si svolgeranno insieme alla scuola di montain bike, Gemini.
Infine, in occasione dell’Indipendent Days Festival e di alcuni concerti nel tendone "Estragon", la Consulta, in collaborazione con gli assessorati provinciali alla Viabilità e Mobilità e alle Politiche sociali e Sanità e con il Settore servizi sociali del Comune di Bologna, ha previsto attività di informazione e prevenzione rivolti ai giovani sui rischi connessi all’abuso di alcol.
L’organizzazione delle attività che si svolgeranno nelle diverse serate è stata resa possibile grazie all’impegno delle associazioni che appartengono alla Consulta, dei Comuni, della Provincia di Bologna, delle Polizie municipali e delle associazioni delle autoscuole.
L’inaugurazione dello stand è prevista per domani, giovedì 25 agosto, alle ore 20.00.
Saranno presenti il vicepresidente, Andrea De Maria, l’assessore alla viabilità e mobilità, Graziano Prantoni, in qualità di Presidente della Consulta, i sindaci dei Comuni del territorio, numerosi amministratori locali e provinciali e rappresentanti delle associazioni.
YAHOO NOTIZIE
 
Gran Bretagna, aumentano vendite alcolici, soprattutto vino
Di Astrid Zweynert.
LONDRA (Reuters) - Le vendite di alcolici in Gran Bretagna, alimentate da una richiesta sempre maggiore di vino, sono in continuo aumento. E’ quanto riferisce oggi uno studio di mercato.
I risultati di "Le abitudini etiliche in Europa", rapporto commissionato dalla società di ricerche di mercato Mintel, hanno rilevato che in Gran Bretagna la crescita dell’amore per il vino sarebbe legata all’aumento generale del reddito, ad abitudini etiliche più "ricercate" e alla richiesta di vino da parte delle donne.
Il consumo di alcolici in Inghilterra è aumentato del cinque percento tra il 1999 ed il 2004, varcando così la soglia degli otto miliardi di litri, scrive Mintel.
In Francia invece il consumo è sceso del sei percento per arrivare ai 6 miliardi di litri, mentre nello stesso arco di tempo, le vendite di alcolici in Germania sono diminuite dell’otto percento, arrivando sotto ai 12 miliardi di litri.
"In Francia ed in Germania, si tende sempre più ad adottare uno stile di vita più salutare e a ridurre il consumo di alcolici", ha dichiarato Hanna Kivimaki, responsabile degli studi sulle abitudini dei consumatori.





 

Giovedì, 25 Agosto 2005
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK